La cheerleading è un’attività in cui i partecipanti (indicati come „cheerleaders“) fanno il tifo per la loro squadra come forma di incoraggiamento. Può variare dal cantare slogan a un’attività fisica intensa per la motivazione della squadra sportiva, l’intrattenimento del pubblico o la competizione basata su routine organizzate. Le routine competitive solitamente vanno da uno a tre minuti e contengono componenti di cadenza , danza , salti , applausi e rallentamenti .

La cheerleading è nata negli Stati Uniti e rimane prevalentemente in America, con una stima di 1,5 milioni di partecipanti alla cheerleading a stelle. La presentazione globale di cheerleading è stata guidata dalla trasmissione del 1997 della competizione internazionale cheerleading di ESPN e dall’edizione mondiale del film Bring It Ondel 2000 . In parte a causa di questa recente esposizione, ci sono attualmente circa 100.000 partecipanti sparsi in tutto il mondo in Australia, Canada, Cina, Colombia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, [1] Paesi Bassi, Nuova Zelanda e Regno Unito. [2]

Storia

Prima della cheerleading organizzata

La cheerleading iniziò nel tardo XVIII secolo con la ribellione degli studenti maschi. [3] Dopo la guerra rivoluzionaria americana , gli studenti hanno subito un duro trattamento da parte degli insegnanti. In risposta all’abuso della facoltà, gli studenti universitari hanno agito violentemente. Gli studenti universitari iniziarono a sommergere, a bruciare edifici situati nei loro campus universitari e ad assalire membri della facoltà. Come un modo più sottile per ottenere l’indipendenza, tuttavia, gli studenti hanno inventato e organizzato le proprie attività extrascolastiche al di fuori del controllo dei loro professori. Questo ha portato gli sport americani, cominciando prima con i team collegiali. [4]

Nel 1860, gli studenti della Gran Bretagna iniziarono a fare il tifo e cantare all’unisono per i loro atleti preferiti in occasione di eventi sportivi. Presto, quel gesto di supporto attraversò oltreoceano in America. [5]

Il 6 novembre 1869, gli Stati Uniti assistettero alla sua prima partita di football intercollegiata . Ha avuto luogo tra la Princeton e la Rutgers University , e ha segnato il giorno in cui l’originale „Sis Boom Rah!“ il tifo è stato gridato dai fan degli studenti. [6] [7]

Inizio del tifo organizzato

La cheerleading organizzata è iniziata come attività per soli uomini. [8] Già nel 1877, l’Università di Princeton aveva un „Princeton Cheer“, documentato nel 22 febbraio 1877, 12 marzo 1880 e 4 novembre 1881, numeri del quotidiano Princetoniano . [9] [10] [11] Questo allegria è stato urlato dagli spalti dagli studenti che partecipavano alle partite, così come dagli atleti stessi. L’allegria, „Evviva! Evviva! Evviva! Tiger! Ssst! Boom! Ahhh!“ rimane in uso con lievi modifiche oggi, dove viene ora indicata come la „Locomotiva“. [12]

La classe di Princeton del 1882 Thomas Peebles si trasferì nel Minnesota nel 1884. Trapiantò l’idea di folle organizzate che acclamavano le partite di calcio all’Università del Minnesota . [13] [14] Il termine „Cheer Leader“ era stato utilizzato già nel 1897, con gli ufficiali di football di Princeton che avevano nominato tre studenti come Cheer Leaders: Thomas, Easton e Guerin dalle classi di Princeton del 1897, 1898 e 1899, rispettivamente , il 26 ottobre 1897. Questi studenti avrebbero fatto il tifo per la squadra anche nelle pratiche calcistiche, e speciali sezioni di tifo furono designate sugli spalti per i giochi stessi sia per le squadre di casa che per quelle in visita. [15] [16]

Fu solo nel 1898 che lo studente dell’Università del Minnesota Johnny Campbell diresse una folla nel tifare „Rah, Rah, Rah! Ski-u-mah, Hoo-Rah! Hoo-Rah! Varsity! Varsity! Varsity, Minn-e-So- Tah! „, Rendendo Campbell la prima cheerleader.

Il 2 novembre 1898 è la data ufficiale di nascita della cheerleading organizzata. Poco dopo, l’Università del Minnesota organizzò una squadra di „leader dei coglioni“ di sei studenti maschi, che ancora oggi usano l’allegria originale di Campbell. [17] Nel 1903 fu fondata la prima confraternita cheerleading , Gamma Sigma. [18]

Partecipazione femminile

Nel 1923, all’Università del Minnesota , le donne furono autorizzate a partecipare alle cheerleading. [6] [19] Tuttavia, ci volle del tempo perché altre scuole seguissero. Verso la fine degli anni ’20, molti manuali e giornali scolastici pubblicati erano ancora riferiti alle cheerleader come „chap“, „fellow“ e „man“. [20] Le donne cheerleaders furono trascurate fino agli anni ’40. Negli anni ’40, gli uomini collegiali furono arruolati per la seconda guerra mondiale , creando l’opportunità per un maggior numero di donne di farsi strada sulle attività collaterali degli eventi sportivi. [21] Come notato da Kieran Scott in Ultimate Cheerleading : „Le ragazze hanno preso il sopravvento per la prima volta“. [22]Una panoramica scritta a nome di cheerleading nel 1955 spiegava che nelle scuole più grandi, „occasionalmente anche i ragazzi e le ragazze sono inclusi“, e nelle scuole più piccole, „i ragazzi di solito trovano il loro posto nel programma atletico, e la cheerleading rimarrà probabilmente solo un’occupazione femminile. “ [23] Durante gli anni ’50, anche la cheerleading in America aumentò di popolarità. Negli anni ’60, alcuni iniziarono a considerare la cheerleading una extracurricolare femminile per i ragazzi, e negli anni ’70, le ragazze principalmente applaudivano ai giochi della scuola pubblica. [24] Tuttavia, questo non ha fermato la sua crescita. La cheerleading poteva essere trovata in quasi ogni livello scolastico in tutto il paese, persino la pipì e le leghe giovanili cominciarono ad apparire. [25] [26]

Nel 1975, fu stimato da un uomo di nome Randy Neil che oltre 500.000 studenti parteciparono attivamente alla cheerleading americana dalla scuola elementare a quella collegiale. Si è anche avvicinato al fatto che il novantacinque per cento delle cheerleaders in America erano donne. [27] Dal 1973, le cheerleader hanno iniziato a partecipare al basket femminile e ad altri sport esclusivamente femminili. [5]

A partire dal 2005, le statistiche complessive mostrano che circa il 97% di tutti i partecipanti alle cheerleading moderne sono donne, anche se a livello collegiale, la cheerleading è co-ed il circa 50% dei partecipanti è di sesso maschile. [28]

Principali cheerleading

Nel 1948, Lawrence „Herkie“ Herkimer, di Dallas, Texas, ex cheerleader presso la Southern Methodist University , formò la National Cheerleaders Association (NCA) al fine di tenere cliniche per cheerleading. Nel 1949, l’NCA tenne la sua prima clinica a Huntsville, in Texas, con 52 ragazze presenti. [28] Herkimer ha contribuito con molti primati a fare le cheerleader: la fondazione della Cheerleader & Danz Team cheerleader società di fornitura uniforme , inventando il salto con l‘ herkie (dove una gamba è piegata verso il suolo come se fosse inginocchiata e l’altra è fuori si estenderà in posizione di tocco del dito), [29] e creando lo „Spirit Stick“. [18]Negli anni ’60, le cheerleader del college iniziarono a ospitare workshop in tutta la nazione, insegnando abilità fondamentali alle ragazze delle scuole superiori. Nel 1965, Fred Gastoff ha inventato il vin -pom pom , che è stato introdotto nelle competizioni dalla International Cheerleading Foundation (ICF, ora World Cheerleading Association, o WCA). Le gare organizzate di cheerleading hanno iniziato a spuntare con la prima classifica delle „Top Ten College Cheerleading Squads“ e „Cheerleader All America“ ​​assegnate dall’ICF nel 1967. Nel 1978, l’America è stata introdotta per la cheerleading competitiva dalla prima trasmissione di Collegiate Campionati cheerleading su CBS . [17] [18]

Cheerleading professionale

Negli anni ’50 iniziò la formazione di cheerleading professionale. Il primo tifoso registrato nella storia della National Football League (NFL) è stato per i Baltimore Colts . [5] [30] Le cheerleader professionali danno una nuova prospettiva alla cheerleading americana. Le donne sono state selezionate per due motivi: il sex appeal visivo e la capacità di ballare. Le donne venivano scelte esclusivamente perché gli uomini erano il gruppo di marketing mirato. [31] Le Cheerleaders dei Dallas Cowboys raggiunsero presto i riflettori con i loro abiti rivelatori e le sofisticate mosse di danza, debuttando nella stagione 1972-1973, ma furono viste per la prima volta nel Super Bowl X(1976). Queste squadre professionistiche degli anni ’70 stabilirono cheerleader come „icone americane di sex appeal sano“. [19] Nel 1981, un totale di diciassette squadre della Nation Football League avevano le loro cheerleader. Le uniche squadre senza cheerleader della NFL in quel momento erano New Orleans, New York, Detroit, Cleveland, Denver, Minnesota, Pittsburg, San Francisco e San Diego. La cheerleading professionale alla fine si è estesa anche alle squadre di calcio e di basket. [31]

Avanzamenti e tradizioni di cheerleading

Gli anni ’80 hanno visto l’inizio della moderna cheerleading, aggiungendo sequenze e scene di acrobazie difficili alla routine. Squadre all-star spuntarono, e con loro, la creazione della Federazione All-Star degli Stati Uniti (USASF). ESPN ha trasmesso per la prima volta la National High School Cheerleading Competition a livello nazionale nel 1983. Organizzazioni cheerleading come l’American Association of Cheerleading Coaches and Advisors (AACCA), fondata nel 1987, hanno iniziato ad applicare standard di sicurezza universali per ridurre il numero di infortuni e prevenire pericolose acrobazie, piramidi e il ruzzolamento passa dall’essere incluso nella routine delle cheerleader. [33]Nel 2003, il Consiglio nazionale per la sicurezza e l’educazione dello spirito (NCSSE) è stato formato per offrire formazione sulla sicurezza a giovani, a scuola, a tutte le università e agli allenatori universitari. La NCAA richiede allenatori di college che completino con successo un programma di formazione sulla sicurezza riconosciuto a livello nazionale. I programmi di certificazione NCSSE o AACCA sono entrambi riconosciuti dalla NCAA. citazione necessaria ]

Anche con il suo sviluppo atletico e competitivo, la cheerleading a livello scolastico ha mantenuto i suoi legami con il suo spirito che guida le tradizioni. Le cheerleader sono spesso viste come ambasciatrici per le loro scuole e leader tra i corpi studenteschi. A livello di college, le cheerleader sono spesso invitate ad aiutare in occasione di raccolte fondi ed eventi universitari. [34]

La cheerleading è strettamente associata al football americano e al basket . Sport come l‘ associazione calcio (calcio), hockey su ghiaccio , pallavolo , baseball e lotta a volte sponsorizzano squadre di cheerleading. L’ICC Twenty20 Cricket World Cup in Sud Africa nel 2007 è stato il primo evento internazionale di cricket a ospitare le cheerleader. I Florida Marlins furono la prima squadra della Major League Baseball ad avere una squadra cheerleader. Debuttando nel 2003, i „Marlin Mermaids“ hanno ottenuto visibilità nazionale e hanno influenzato le altre squadre MLB per sviluppare le proprie squadre di ballo / ballo. [citazione necessaria ]

Evoluzione

La cheerleading competitiva è valutata soggettivamente sulla base di componenti tra cui, ma non solo, l‘ allegria stessa, danza / coreografia, piramidi , arresto della crescita e rotolamento . Al fine di prevenire infortuni, ci sono alcune regole che le squadre di cheerleader devono seguire in base al loro livello (scuola superiore, all-star o college). Secondo l’Encyclopedia of Sports Medicine, ci sono due scopi di cheerleading – per fare il tifo in disparte per gli altri atleti, e per essere un „atleta in competizione altamente qualificato“. citazione necessaria ]

Insieme a questa evoluzione della struttura sportiva, sono stati fatti progressi significativi per la tipica uniforme da cheerleading. Quello che è iniziato come il classico maglione a pieghe a metà polpaccio dell’uniforme ora è arrivato per incorporare materiali che consentono elasticità e flessibilità. I cambiamenti uniformi sono il risultato del cambiamento della cultura dagli anni ’30 ai giorni nostri.

La cheerleading può sembrare un’attività spensierata per alcuni, ma le lesioni che possono derivare dalla pratica o da una competizione possono essere gravi se l‘ atleta non è adeguatamente allenato. Ci sono state molte lesioni catastrofiche dall’allegria, soprattutto dal tumbling e l’arresto della crescita. A causa della mancanza di studi sugli infortuni nella cheerleading competitiva, si potrebbero evitare molti infortuni. La maggior parte degli studi in medicina sportiva relativi alla cheerleading si concentrano sul fatto che si tratti di uno sport o meno. [3]

Tipi di squadre negli Stati Uniti oggi

Scuola-sponsorizzato

La maggior parte delle scuole medie, delle scuole superiori e dei college americani ha organizzato squadre di cheerleading. Molte università offrono borse di studio cheerleading per gli studenti. Una squadra di cheerleader può competere a livello locale, regionale o nazionale, oltre a fare il tifo per gli eventi sportivi e incoraggiare la partecipazione del pubblico. La cheerleading sta rapidamente diventando un’attività per tutto l’anno, a partire dalle prove durante il semestre primaverile dell’anno scolastico precedente. Le squadre possono partecipare a campi estivi organizzati da cheerleading e pratiche per migliorare le abilità e creare routine per la competizione.

Le cheerleader studentesche competono con la routine in stile ricreativo durante le competizioni durante tutto l’anno. Le squadre si esercitano intensamente per la competizione e svolgono una routine non più lunga di 2 minuti e 30 secondi. Come altri atleti di livello scolastico, le squadre si sfidano per vincere il campionato e passano a gare più grandi con la speranza di raggiungere una competizione nazionale. I vantaggi per una squadra di scuola contro una squadra all-star sono il tifo per vari eventi sportivi.

Il processo di prova può talvolta avvenire in un periodo di più giorni. L’allenatore di cheerleading organizzerà una clinica di cheerleading, durante la quale i materiali di base verranno insegnati o revisionati prima dell’ultimo giorno di prova. La clinica restituisce alle cheerleader e alle nuove cheerleader un’uguale possibilità di familiarizzare con il materiale. Le abilità necessarie per essere una cheerleader includono salti, ruzzoloni, movimenti e abilità di ballo. Le prove spesso si svolgono durante la primavera, in modo che l’allenatore abbia la squadra scelta in tempo per partecipare al campo estivo come una squadra. citazione necessaria ]

Scuole medie

La cheerleading della scuola media si è evoluta poco dopo la creazione di squadre di liceo. Nella scuola media, le squadre di cheerleader hanno lo stesso scopo e seguono le stesse regole delle squadre delle superiori. Le squadre tifano per squadre di basket, squadre di calcio e altre squadre sportive nella loro scuola. Le squadre si esibiscono anche ai raduni e competono contro altre scuole locali della zona. Cheerleading nella scuola media a volte può essere un’attività di due stagioni: autunno e inverno. Tuttavia, molte squadre di allievi della scuola media andranno tutto l’anno come le squadre delle scuole superiori. Le cheerleader della scuola media usano gli stessi movimenti da cheerleader delle loro controparti più anziane, tuttavia eseguono acrobazie meno estreme. Queste acrobazie spaziano da preparazioni, cosce ed estensioni, a acrobazie con una gamba più dura.

Scuola superiore

Al liceo ci sono di solito due squadre per scuola: varsity e una junior varsity . La cheerleading del liceo contiene aspetti dello spirito della scuola e della competizione. Queste squadre sono diventate parte di un ciclo tutto l’anno. Iniziando con le prove in primavera, durante tutto l’arco dell’anno, tifando per le squadre in autunno e in invernoe partecipando a gare di cheerleading. La maggior parte delle squadre pratica almeno tre giorni alla settimana per circa due ore ogni pratica durante l’estate. Molte squadre partecipano anche a sessioni di ruzzolamento separate al di fuori della pratica. Durante l’anno scolastico, la cheerleading viene di solito praticata da cinque a sei giorni alla settimana. Durante la stagione della competizione, a volte diventa spesso sette giorni con la pratica due volte al giorno. L’aspetto spiritico della scuola di cheerleading implica il tifo, il sostegno e il „pompaggio“ della folla nei giochi di calcio, nelle partite di basket e persino negli incontri di wrestling. Insieme a questo, si esibiscono ai raduni di pep e portano lo spirito della scuola ad altri studenti. Nel maggio 2009, la Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Superiori Statalirilasciato i risultati del loro primo vero studio di partecipazione alle scuole superiori. Hanno stimato che il numero di cheerleader delle scuole superiori delle scuole superiori pubbliche è di circa 394.700. [35]

Ci sono diverse organizzazioni cheerleader che mettono in competizione; alcuni dei più importanti includono gare statali e regionali. Molte scuole superiori ospiteranno spesso concorsi di cheerleading, portando i giudici IHSA. Le competizioni regionali sono qualificazioni per le competizioni nazionali, come l‘ UCA (Universal Cheerleaders Association) di Orlando , in Florida , ogni anno. [36] L’aspetto competitivo della cheerleading può essere molto duraturo; stili e regole cambiano ogni anno, rendendo importante e difficile trovare le routine più nuove e più calde. [37]La maggior parte delle squadre ha un coreografo professionista che coreografa la propria routine per assicurarsi che non infranga regole o regolamenti. Per un elenco di regole, visitare AACCA (American Association of Cheerleading Coaches and Administrators) . Tutti gli allenatori delle scuole superiori sono tenuti a partecipare a una riunione delle regole di IHSA all’inizio della stagione. Ciò garantisce la loro conoscenza delle regole modificate e della loro conformità a queste regole.

Università

Le cheerleader collegiali per l‘ Università della Florida eseguono una piramide a spaccata alta durante una partita di football del college Gators

La maggior parte delle università americane ha una squadra cheerleader per tifare per calcio, pallacanestro, pallavolo e calcio. La maggior parte delle squadre universitarie tendono ad essere di grandi dimensioni sebbene negli ultimi anni; le squadre universitarie studentesse e studentesse sono aumentate rapidamente.

Le squadre universitarie eseguono acrobazie più difficili che includono piramidi, così come lanciare e torcere i lanci del cestino.

Lega giovanile / associazione atletica

Cheerleaders della gioventù durante uno spettacolo di fine del calcio . L’allegria giovanile – l‘ età delle scuole superiori e i giovani – costituiscono la stragrande maggioranza delle cheerleader e delle squadre di allegria.

Le organizzazioni che sponsorizzano squadre giovanili di solito sponsorizzano anche squadre di calcio giovanile o di basket . Ciò consente ai due, sotto lo stesso sponsor, di essere mescolati. Entrambe le squadre hanno lo stesso nome di mascotte e le cheerleader si esibiranno nelle partite di calcio o di basket. Esempi di tali sponsor includono Pop Warner e Pasco Police Athletic League (PPAL). La YMCA(Associazione cristiana dei giovani uomini) è anche un noto sponsor per i campionati di ragazze cheerleading. [38]

Tutte le stelle

Durante i primi anni ’80, le squadre di cheerleading non associate a una scuola oa campionati sportivi, il cui obiettivo principale era la competizione, iniziarono ad emergere. La prima organizzazione a chiamarsi all-stars e ad andare alle competizioni furono i Q94 Rockers di Richmond, in Virginia , fondata nel 1982. [39]I team all-star in competizione prima del 1987 sono stati collocati nelle stesse divisioni di squadre che rappresentavano scuole e campionati sportivi. Nel 1986, la National Cheerleaders Association (NCA) affrontò questa situazione creando una divisione separata per le squadre prive di una scuola sponsor o associazione sportiva, definendola Divisione All-Star e presentandola alle loro competizioni del 1987. Con la crescita della popolarità di questo tipo di team, si formarono sempre più di loro, partecipando a competizioni sponsorizzate da molte organizzazioni e società diverse, ciascuna utilizzando il proprio insieme di regole, regolamenti e divisioni. Questa situazione divenne una preoccupazione per i proprietari di palestra perché le incoerenze costringevano gli allenatori a mantenere le loro routine in uno stato costante di flusso, diminuendo il tempo che potrebbe essere meglio utilizzato per sviluppare abilità e fornire attenzione personale ai propri atleti. Ancora più importante, poiché le varie società erano costantemente in competizione per un vantaggio competitivo, gli standard di sicurezza erano diventati sempre più rilassati. In alcuni casi, allenatori non qualificati e squadre inesperte stavano tentando acrobazie pericolose come risultato di queste espanse serie di regole.[40]

L’USASF è stata costituita nel 2003 dalle compagnie della concorrenza per fungere da organo di governo nazionale per tutte le star cheerleading e per creare una serie standard di regole e criteri di giudizio che devono essere seguiti da tutte le competizioni sancite dalla Federazione, che alla fine portano ai Mondi Cheerleading. L’USASF ha ospitato il primo Cheerleading Worlds il 24 aprile 2004. [40]Nel 2009 si sono tenuti i primi Mondi di livello globale. Comprendeva squadre di tutti i livelli, con ogni vincitore che continuava a partecipare ai campionati online, in cui squadre provenienti da tutta la nazione hanno gareggiato per vincere il titolo mondiale. Allo stesso tempo, gli allenatori di cheerleader di tutto il paese si sono organizzati per la stessa regola facendo lo scopo, definendosi il National All Star Cheerleading Coaches Congress (NACCC). Nel 2005, il NACCC è stato assorbito dall’USASF per diventare il loro organo normativo. [39] Alla fine del 2006, l‘ USASF ha facilitato la creazione della International All-Star Federation (IASF).

A partire dal 2012, l’all-star cheerleading sancito dall’USASF coinvolge una squadra di 6-36 femmine e / o maschi. La squadra si prepara per tutto l’anno per molte diverse apparizioni in competizione, ma in realtà si esibiscono solo per un massimo di 2 minuti e mezzo durante la routine della squadra. Il numero di gare a cui partecipa una squadra varia da squadra a squadra, ma in generale, la maggior parte delle squadre tende a partecipare ad otto o dodici gare all’anno. Queste competizioni includono la gente del posto, che normalmente si svolge in palestre scolastiche o locali, nazionali, ospitati in grandi sale in tutti gli Stati Uniti con campioni nazionali, e i Cheerleading Worlds, svoltisi a Disney World a Orlando, in Florida. Durante una routine di gara, una squadra esegue con cautela coreografia, rallentando, saltando e ballando fino alla propria musica personalizzata.

Ci sono molte diverse organizzazioni che ospitano le proprie competizioni statali e nazionali. Alcune importanti aziende includono: Universal Spirit, AmeriCheer, Cheersport, Planet Spirit, Eastern Cheer and Dance Association e The JAM Brands . Ciò significa che molte palestre all’interno della stessa area potrebbero essere campioni nazionali e dello stato per lo stesso anno e non hanno mai gareggiato l’una contro l’altra. Attualmente non esiste un sistema che premia solo uno stato o un titolo nazionale.

I giudici della competizione osservano da vicino le mosse illegali dal gruppo o da ogni singolo membro. Qui, una mossa illegale è qualcosa che non è permesso in quella divisione a causa di difficoltà e / o restrizioni di sicurezza. Cercano deduzioni, o cose che vanno male, come una caduta acrobatica. Cercano anche i touch down nel ruzzolamento per le detrazioni. Più in generale, i giudici esaminano la difficoltà e l’esecuzione di salti, acrobazie e cadute, sincronizzazione, creatività, nitidezza dei movimenti, abilità di esibizione e esecuzione di routine complessiva.

Le cheerleader all-star sono collocate in divisioni, raggruppate in base all’età, alle dimensioni della squadra, al sesso dei partecipanti e al livello di abilità. I livelli di età variano da meno di 4 anni a 18 anni e oltre. Le divisioni utilizzate da USASF / IASF sono attualmente Tiny, Mini, Youth, Junior, Junior International, Junior Coed, Senior, Senior Coed, Special Needs e Open International. Inizialmente era iniziato con le squadre „all girl“ e in seguito le squadre co-ed hanno iniziato a guadagnare popolarità. Detto questo, la squadra di tutte le ragazze rimane la più diffusa. [41]

Se una squadra ottiene abbastanza spazio in competizioni nazionali autorizzate selezionate da USASF / IASF , potrebbero essere incluse nei Cheerleading Worlds e competere contro squadre di tutto il mondo, oltre a ricevere denaro per il piazzamento. [2] Ogni squadra riceve un’offerta da un’altra compagnia cheerleader e va a nome di quella società. Uno deve ottenere un’offerta da una società per competere ai mondi di Cheerleading. Ad esempio, una squadra potrebbe ottenere un’offerta da Cheersport e competere come una squadra che rappresenta quella compagnia. Le società cheerleader emettono tre tipi di offerte per andare a Cheerleading Worlds, Full Paid Bid, Bidial o un’offerta Un-paid. I mondi Cheerleading sono solo per le squadre di livello 5 e superiori.

Professionale

Cheerleader e ballerini professionisti tifano per sport come il calcio , il basket , il baseball , il wrestling o l‘ hockey . Ci sono solo una manciata di campionati di cheerleading professionisti in tutto il mondo; alcuni campionati professionisti includono la NBA Cheerleading League , la NFL Cheerleading League , la CFL Cheerleading League, la MLS Cheerleading League, la MLB Cheerleading League e la NHL Ice Dancers. Anche se i campionati di cheerleading professionali esistono in più paesi, non ci sono squadre olimpiche . citazione necessaria ]

Oltre a tifare per i giochi e competere, anche le cheerleader professionisti, come team, possono fare molto lavoro di filantropia e di beneficenza , modellistica , parlare motivazionale , performance televisive e pubblicità . [42] [ fonte inaffidabile? ]

Associazioni, federazioni e organizzazioni

Americheer : [43] Americheer è stata fondata nel 1987 da Elizabeth Rossetti. È la società madre di Ameridance e Eastern Cheer and Dance Association. Nel 2005, Americheer divenne uno dei membri fondatori del NLCC. Ciò significa che gli eventi di Americheer offrono offerte per le finali statunitensi: la destinazione finale. La competizione AmeriCheer InterNational Championship si tiene ogni marzo presso il Walt Disney World Resort a Orlando, in Florida.

International Cheer Union (ICU) : [44] Istituita il 26 aprile 2004, l’ICU è riconosciuta dallo SportAccord come l’organismo governativo mondiale di cheerleading e l’autorità su tutte le questioni relative ad esso. Includendo la partecipazione delle sue federazioni nazionali di 105 membri che raggiungono 3,5 milioni di atleti a livello globale, l’ICU continua a servire come voce unificata per coloro che si dedicano allo sviluppo positivo della cheerleader in tutto il mondo.

Dopo un voto positivo da parte dell’Assemblea Generale SportAccord il 31 maggio 2013, a San Pietroburgo, l’International Cheer Union (ICU) è diventato il 109 ° membro di SportAccord e la 93a federazione sportiva internazionale di SportAccord per entrare a far parte della famiglia sportiva internazionale. In conformità con gli statuti di SportAccord, l’ICU è riconosciuta come l’organismo governativo mondiale di cheerleading e l’autorità su tutte le questioni ad esso correlate.

A partire dalla stagione 2016-17, l’ICU ha introdotto una squadra di età compresa tra Junior (12-16 anni) per competere ai Cheerleading Worlds, perché la cheerleading è ora in stato provvisorio per diventare uno sport alle Olimpiadi. Per un giorno cheerleading essere alle Olimpiadi, ci deve essere una squadra junior e senior che compete ai campionati del mondo. La prima squadra di cheerleader junior che è stata selezionata per diventare la squadra nazionale junior è stata Eastside Middle School, con sede a Mount Washington Kentucky e rappresenterà gli Stati Uniti nella prima divisione juniores ai campionati del mondo. [45]

L’ICU organizza seminari di formazione per giudici e allenatori, eventi globali e i Campionati Mondiali delle Cheerleading. L’ICU è anche pienamente applicata al Comitato olimpico internazionale (IOC) ed è conforme al codice stabilito dall’Agenzia mondiale antidoping (WADA).

International Federation of Cheerleading (IFC) : [46] Fondata il 5 luglio 1998, la International Federation of Cheerleading (IFC) è una federazione senza scopo di lucro con sede a Tokyo, in Giappone, ed è l’organismo governativo mondiale di cheerleading. Gli obiettivi di IFC sono promuovere la cheerleading in tutto il mondo, diffondere la conoscenza della cheerleading e sviluppare relazioni amichevoli tra le federazioni e le federazioni associate.

Associazione Nazionale delle Cheerleaders : [47] L’NCA è stata fondata nel 1948 da Lawrence Herkimer. Ogni anno, la NCA ospita la NCA High School Cheerleading Nationals e la NCA All-Star Cheerleading Nationals a Dallas, in Texas. Ospitano anche il campionato NCA / NDA Collegiate Cheer & Dance a Daytona Beach, in Florida.

Associazione dello spirito unito: [48] Nel 1950, Robert Olmstead diresse il suo primo campo di addestramento estivo, e in seguito gli Stati Uniti ne spuntarono. L’attenzione degli Stati Uniti è focalizzata sull’esperienza del game day come modo per migliorare l’intrattenimento del pubblico. Questo focus ha portato ai primi spettacoli a metà tempo del football americano per raggiungere le adolescenti di tutto il mondo e esporli a cheerleading in stile americano. Gli USA hanno coreografato il materiale per le cheerleader professionali e competitive allo stesso modo. Gli Stati Uniti offrono concorsi per squadre di cheerleading senza qualifiche preliminari necessarie per partecipare. L’organizzazione consente inoltre alle cheerleader di diventare all-americane, partecipare alla parata del giorno del ringraziamento di Macy e partecipare alla parata del capodanno di Londra e altri eventi speciali come UCA e NCA consentono ai partecipanti di fare.

Universal Cheerleaders Association: [49] Universal Cheerleaders Association è stata fondata nel 1974 da Jeff Webb. Dal 1980, l’UCA ha ospitato il campionato nazionale di Cheerleading della High School nel Walt Disney World Resort. Ospitano anche il Campionato Nazionale All-Star Cheerleading e il College Cheerleading National Championship al Walt Disney World Resort. Per qualificarsi per questi eventi, tutte le squadre devono inviare un video. Tutti questi eventi vengono trasmessi su ESPN .

Competizioni e aziende

Asian Thailand Cheerleading Invitational (ATCI) : [50] Organizzato dalla Cheerleading Association of Thailand (CAT) in conformità con le norme e i regolamenti della International Federation of Cheerleading (IFC). L’ATCI si tiene ogni anno dal 2009. All’ATCI, molte squadre provenienti da tutta la Thailandia gareggiano, unendosi a loro ci sono molte nazioni confinanti invitate che inviano anche squadre di dilettanti.

Cheerleading Asia International Open Championships (CAIOC) : ospitato dalla Fondazione della Japan Cheerleading Association (FJCA) in conformità con le regole e le norme della IFC. Il CAIOC è stato un evento annuale dal 2007. Ogni anno, molte squadre provenienti da tutta l’Asia convergono a Tokyo per competere. [51]

Campionati del Mondo di Cheerleading (CWC) : [52] Organizzato dalla IFC. L’IFC è un’organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 1998 e con sede a Tokyo, in Giappone. La CWC si svolge ogni due anni dal 2001 e, ad oggi, la competizione si è svolta in Giappone, Regno Unito, Finlandia, Germania e Hong Kong . Il 6 ° CWC si è tenuto presso il Colosseo di Hong Kong il 26-27 novembre 2011 [53].

Campionati mondiali ICU : [54] L’International Cheer Union comprende attualmente 105 federazioni nazionali di paesi di tutto il mondo. Ogni anno, l’ICU ospita il World Cheerleading Championship. A differenza degli USASF Worlds, questa competizione usa le regole di livello 6 / Collegiate. I paesi assemblano e inviano solo una squadra per rappresentarli.

National Cheerleading Championships (NCC) : [55] L’NCC è la competizione annuale cheerleading nazionale indetta da IFC in Indonesia organizzata dalla comunità indonesiana Cheerleading (ICC). [56] Dal NCC 2010, l’evento è ora aperto alla competizione internazionale, rappresentando un significativo passo avanti per la CCI. Squadre provenienti da molti paesi come Giappone, Tailandia, Filippine e Singapore hanno partecipato all’evento rivoluzionario.

Destinazione finale NLCC : [57]Leading Cheer Companies di Nation è una società multi-brand, in partnership con altre società come: Americheer / Ameridance, American Cheer & Dance Academy, Eastern Cheer & Dance Association e Spirit Unlimited. Ogni anno, a partire dal 2006, l’NLCC ospita The US Finals: The Final Destination di Cheerleading and Dance. Ogni squadra che partecipa deve qualificarsi e ricevere un’offerta alla competizione di una società partner. Nel maggio 2008, NLCC e The JAM Brands hanno annunciato una partnership per produrre The US Finals – Final Destination. Ci sono nove posizioni di destinazione finale in tutto il paese. Dopo gli eventi regionali, i video di tutte le squadre che hanno partecipato sono stati inviati a un nuovo gruppo di giudici e sono stati salvati per classificare le squadre contro coloro contro cui non avrebbero mai avuto la possibilità di competere.

Panamericano Cheerleading Championships (PCC) : [58] Il PCC si è tenuto per la prima volta nel 2009 nella città di Latacunga , in Ecuador, ed è il campionato continentale organizzato dalla Federazione panamericana di Cheerleading (PFC). Il PFC, che opera sotto l’egida dell’IFC, è l’organismo continentale senza scopo di lucro di cheerleading il cui scopo è quello di promuovere e sviluppare la cheerleading nelle Americhe. Il PCC è un evento biennale e si è svolto per la seconda volta a Lima, in Perù, nel novembre 2010.

The JAM Brands : [59] The JAM Brands, con sede a Louisville, Kentucky , fornisce prodotti e servizi per l’industria delle cheerleader e della danza. È composto da circa 12 marchi diversi che producono di tutto, dalle competizioni ai campi, dalle uniformi alla merce e all’abbigliamento. JAMfest, il marchio originale di The JAM Brands, è in circolazione dal 1996 ed è stato fondato da Aaron Flaker e Emmitt Tyler. Dan Kessler è diventato co-proprietario di The JAM Brands insieme a Flaker e Tyler.

Mondi USASF / IASF : [60] [61] Molte organizzazioni cheerleading degli Stati Uniti formano e registrano l’ente senza scopo di lucro la United Star All Star Federation (USASF) e anche la International All Star Federation (IASF) per supportare la squadra internazionale cheerleading e i campionati mondiali di club cheerleading. I primi World Cheerleading Championships, o Cheerleading Worlds, sono stati ospitati dall’USASF / IASF presso il Walt Disney World Resort e registrati per una trasmissione ESPN globale nel 2004. Questa competizione è riservata all’All-Star / Club cheer. Possono partecipare solo i livelli Junior 5, Senior 5, Senior Open 5, International 5, International Open 5, International 6 e International Open 6. Le squadre devono ricevere un’offerta da una società partner per partecipare.

Varsity : [62] Collaborato con l’UCA, Varsity ha creato il campionato nazionale di Cheerleading della High School nel 1980. Varsity All-Star possiede o collabora con molti dei più grandi eventi cheerleader nel paese.

Titolo IX stato sportivo

Vi è un ampio dibattito sull’opportunità o meno che la cheerleading sia considerata uno sport per il Titolo IX (una parte degli emendamenti dell’istruzione degli Stati Uniti del 1972 che vieta la discriminazione in base a qualsiasi programma educativo sulla base del sesso). I sostenitori considerano cheerleading, nel suo complesso, uno sport, citando l’uso pesante di talenti atletici [63] [64] mentre i critici lo vedono come un’attività fisica perché uno „sport“ implica una competizione tra tutte le squadre e non tutte le squadre competono, lungo con la soggettività delle competizioni dove – come con la ginnastica , le immersioni e il pattinaggio artistico – le battute sono valutate sulla base del giudizio umano e non su un obiettivo oggettivo o una misurazione del tempo. [65] [66][67]

Il 27 gennaio 2009, in una causa che ha comportato un infortunio accidentale durante una pratica di cheerleading, la Corte Suprema del Wisconsin ha stabilito che la cheerleading è uno sport a pieno contatto in tale stato, non permettendo a nessun partecipante di essere citato in giudizio per lesioni accidentali. [68] [69] Al contrario, il 21 luglio 2010, in una causa che prevedeva se la cheerleading universitaria qualificava come sport ai fini del titolo IX , un tribunale federale, citando l’attuale mancanza di sviluppo e organizzazione del programma, ha stabilito che è non è affatto uno sport. [70]

Pericoli di cheerleading

La cheerleading porta il più alto tasso di lesioni catastrofiche nello sport. [71] I rischi di cheerleading sono stati evidenziati quando Kristi Yamaoka, una cheerleader della Southern Illinois University, ha subito una frattura della vertebra quando ha colpito la testa dopo essere caduta da una piramide umana . [72] [73] Soffriva anche di una commozione cerebrale e di un polmone livido. [74] La caduta avvenne quando Yamaoka perse l’equilibrio durante una partita di pallacanestro tra la Southern Illinois University e la Bradley University presso il Savvis Center di St. Louis il 5 marzo 2006. [74] La caduta guadagnò „l’attenzione nazionale“, [74]perché Yamaoka ha continuato a esibirsi da una barella mentre veniva allontanata dal gioco. [74] Yamaoka ha quindi recuperato completamente. citazione necessaria ]

L’incidente ha causato alla Conferenza della Valle del Missouri di vietare alle scuole membri di consentire alle ragazze pon-pon di essere „lanciate o sballottate e di prendere parte a formazioni superiori a due livelli“ per una settimana durante un torneo femminile di basket, e ha portato anche a una raccomandazione del NCAA che le conferenze e i tornei non consentono alle piramidi due livelli e mezzo di altezza o di livello superiore, e uno stunt noto come lancio del basket, durante il resto della stagione di basket maschile e femminile. [75] L’11 luglio 2006, i divieti sono stati resi permanenti dal comitato di regolamentazione dell’AACCA:

Il comitato ha votato all’unanimità per le revisioni radicali delle regole di sicurezza cheerleading, la più importante delle quali limita le abilità specifiche di livello superiore durante le partite di basket. Lanci di pallacanestro, piramidi alte 2½ alte, acrobazie a un braccio, acrobazie che comportano torsioni o capriole e abilità di ruzzolamento a torsione possono essere eseguite solo durante l’intervallo e post-partita su una superficie opaca e sono proibite durante il gioco o i time-out. [75]

Un altro importante incidente da cheerleader è stata la morte di Lauren Chang. Chang è morto il 14 aprile 2008 dopo aver gareggiato in una competizione in cui il suo compagno di squadra l’aveva presa a calci così forte nel petto che i suoi polmoni sono crollati. [76]

Dei 2,9 milioni di atleti delle scuole superiori degli Stati Uniti, solo il 3% è costituito da cheerleader, ma il cheerleading rappresenta circa il 65% di tutte le lesioni catastrofiche nell’atletica femminile delle scuole superiori. [77] La NCAA non riconosce la cheerleading come uno sport collegiale; non ci sono numeri solidi nel college cheerleading, ma quando si tratta di infortuni, il 67% delle lesioni da atleta femminile a livello universitario sono dovute a incidenti cheerleader. citazione necessaria ] Un altro studio ha rilevato che tra il 1982 e il 2007, ci sono stati 103 infortuni mortali, invalidanti o gravi registrati tra gli atleti delle scuole superiori, con la stragrande maggioranza (67) che si verifica nella cheerleading. [78]

Nei primi anni 2000, la cheerleading era considerata da chi? ] una delle attività scolastiche più pericolose. La principale fonte di lesioni proviene dal rallentamento della crescita , noto anche come piramidi. Queste acrobazie vengono eseguite durante i giochi e i rallies, così come nelle competizioni. A volte le routine di gara si concentrano esclusivamente sull’uso di acrobazie difficili e rischiose. Queste acrobazie di solito includono un volantino (la persona in alto), insieme a una o due basi (le persone in basso) e uno o due osservatori nella parte anteriore e posteriore in basso. La lesione correlata alla cheerleading più comune è una commozione cerebrale. Il 96% di quelle commozioni cerebrali sono correlate. [71]Altre lesioni sono: distorsioni alle caviglie, polsi slogati, lesioni alla schiena, ferite alla testa (a volte commozioni cerebrali), braccia rotte, ferite al gomito, lesioni al ginocchio, nasi rotti e clavicole rotte. [79] [80] A volte, tuttavia, le lesioni possono essere gravi come colpo di frusta, collo spezzato, vertebre rotte e morte. citazione necessaria ]

La rivista Pediatrics ha riferito che il numero di cheerleader affette da ossa rotte, traumi e distorsioni è aumentato di oltre il 100 per cento tra il 1990 e il 2002 e che nel 2001 sono state segnalate 25.000 visite ospedaliere per ferite da cheerleader la spalla, la caviglia, la testa e il collo. [81] Nel frattempo, negli Stati Uniti, la cheerleading rappresentava il 65,1% di tutte le principali lesioni fisiche alle femmine delle scuole superiori e il 66,7% delle lesioni gravi agli studenti universitari a causa dell’attività fisica dal 1982 al 2007, con 22.900 minori ricoverati in ospedale con ferite da cheerleading nel 2002. [82] [83]

Nell’ottobre 2009, l’American Association of Cheerleading Coaches and Advisors (AACCA), una sussidiaria di Varsity Brands , ha pubblicato uno studio che analizzava i dati delle visite di pronto soccorso di tutti gli atleti delle scuole superiori. Lo studio ha affermato che contrariamente a molte percezioni, le lesioni da cheerleading sono in linea con gli sport femminili. [84]

La cheerleading (sia per le ragazze che per i ragazzi) è stata una delle discipline studiate nel Programma di prevenzione, educazione e ricerca per lesioni pediatriche della Colorado School of Public Health nel 2009 / 10-2012 / 13. [85] I dati sulle lesioni da cheerleading sono inclusi nella relazione 2012-13. [86]

Nella cultura popolare

Le rinnovate e provocatorie Cheerleaders dei Cowboys degli anni ’70 – ei numerosi imitatori che seguirono – stabilirono saldamente la cheerleader come un’icona americana di sano sex appeal. In risposta, un nuovo sottogenere di film di sfruttamento improvvisamente sorsero con titoli come The Cheerleaders (1972), The Swinging Cheerleaders (1974), Revenge of the Cheerleaders (1975), The Pom Pom Girls (1976), Satan’s Cheerleaders (1977) , Cheerleaders Beach Party (1978), Cheerleaders’s Wild Weekend (1979), e Gimme un ‚F‘(1984). Oltre alle commedie sessuali e ai film horror, le cheerleaders sono diventate un punto fermo nell’industria del cinema per adulti, a cominciare da Debbie Does Dallas (1978) e dai suoi quattro sequel.

In televisione, il film per la TV The Dallas Cowboys Cheerleaders (in onda il 14 gennaio 1979) interpretato da Jane Seymour è stato un successo molto apprezzato, dando vita al sequel del 1980 The Dallas Cowboys Cheerleaders II .

La squadra di Dallas era molto richiesta durante la fine degli anni ’70 con frequenti apparizioni su speciali di rete, premi, programmi di varietà, spot pubblicitari, il programma di giochi Family Feud e serie TV come The Love Boat . La sitcom di fantascienza Mork & Mindy ha anche basato un episodio del 1979 attorno alle cheerleaders dei Denver Broncos con Mork ( Robin Williams ) che ha provato per la squadra.

Le Positive True Adventures della presunta Texas Cheerleader-Murdering Mom (1993) è un film per la TV che ha drammatizzato la vera storia di Wanda Holloway , la madre texana la cui ossessione per la carriera da cheerleader di sua figlia ha fatto notizia. Un altro film TV lurido basato su una storia vera, Fab Five: The Texas Cheerleader Scandal è stato prodotto nel 2008.

La crescente popolarità della Cheerleading negli ultimi decenni l’ha resa una caratteristica di spicco nei film a tema scolastico e negli spettacoli televisivi. Il film del 2000 Bring It On , su una squadra di cheerleading della High School di San Diego chiamata „The Toros“, ha recitato la cheerleader dell’ex vita reale Kirsten Dunst . Bring It On è stato un successo a sorpresa e ha guadagnato quasi $ 70 milioni a livello nazionale. Esso ha generato cinque direct-to-video sequel : Bring It On Again (2003), Bring It On: Tutto o niente (2006), Bring It On: In esso per vincerlo (2007), e nel pallone: lotta alla Fine (2009). Il primo Bring It Onè stata seguita dalla commedia caper-comer, Sugar & Spice (2001) e una serie di film horror / d’azione campionati come Cheerleader Ninjas (2002), Cheerleader Autopsy , Cheerleader Massacre (entrambi 2003), Chainsaw Cheerleaders e Ninja Cheerleaders (entrambi 2008).

Nel 2006, Hayden Panettiere , star di Bring It On: Tutto o niente , ha preso un altro ruolo cheerleading come Claire Bennet , la cheerleader con una accelerata fattore di guarigione su NBC colpo s‘ sci-fi serie TV Heroes , il lancio di cheerleading di nuovo alla ribalta della cultura pop. Claire era l’obiettivo principale del primo arco narrativo dello show, con il famoso slogan „Salva la cheerleader, salva il mondo“. Il suo ruolo prominente e protagonista in Heroes è stato supportato da una forte fan-base e ha fornito un’immagine positiva per le cheerleading delle scuole superiori.

Nel 2009, Panettiere ha recitato nuovamente come cheerleader, questa volta come Beth Cooper nell’adattamento cinematografico del romanzo I Love You, Beth Cooper .

Nel 2006, il reality show Cheerleader Nation è apparso sul canale televisivo Lifetime . Cheerleader Nation è una serie televisiva della durata di 60 minuti basata sugli alti e bassi della squadra di Paul Laurence Dunbarcheerleading sulla strada verso le nazionali, di cui sono i tre volte campioni. Lo show crede anche che la cheerleading sia dura. Lo spettacolo si svolge a Lexington, nel Kentucky .

La serie del 2007 Dallas Cowboys Cheerleaders: Making the Team mostra il processo per entrare nella squadra pro dei Dallas Cowboys Cheerleaders. Viene mostrato tutto, dalle prove iniziali alle routine di allenamento e alle difficoltà.

Fired Up! , una commedia adolescenziale sul campo di cheerleading, è stata distribuita da Screen Gems nel 2009. Nella commedia horror soprannaturale Jennifer’s Body (2009), Megan Fox interpreta una cheerleader della scuola superiore demonicamente posseduta. Semprenellostesso anno, la Universal Pictures ha firmato il video musicale e il regista Bille Woodruff ( Barbershop , Honey ) per dirigere il quinto film della serie Bring It On intitolatoBring It On: Fight to the Finish . Il film vede la partecipazione di Christina Milian (che in precedenza aveva interpretato le cheerleaders in Love Do not Cost a Thing e Man of the House) e Rachelle Brook Smith, ed è stato rilasciato direttamente su DVD e Blu-ray il 1 ° settembre 2009.

La serie televisiva Glee (2009-2015) ha visto Dianna Agron nei panni di Quinn Fabray , il capitano della sua squadra di cheerleading del liceo, i Cheerios. Quinn rimane incinta, portando alla sua espulsione dalla squadra, ma anche due degli altri Cheerios, Santana Lopez e Brittany Pierce sono presenti nello show. In “ The Power of Madonna “ Kurt Hummel si unisce ai Cheerios insieme a Mercedes Jones .

La CW Television Network ha creato la serie di Hellcats di breve durata (2010-11). Questo dramma riguardava gli alti e bassi di essere un cheerleader del college. Ha recitato in Aly Michalka nel ruolo di Marty (ex ginnasta costretta a diventare una cheerleader dopo che la sua borsa di studio accademica è stata cancellata) e Ashley Tisdale di High School Musical .

Tra i film più recenti ci sono la teen sex-comedy # 1 Cheerleader Camp (2010) e la commedia horror All Cheerleaders Die (2013), un remake di un precedente film del 2001 con lo stesso nome .

Videogiochi

Nintendo ha rilasciato un paio di videogiochi in Giappone per Nintendo DS , Osu! Tatakae! Ouendan e il suo sequel Moero! Nekketsu Rhythm Damashii, le squadre stellari di squadre di tifo maschili, o Ouendan che praticano una forma di cheerleading. Ognuna delle modalità più difficili del gioco sostituisce i personaggi maschili con squadre femminili che si vestono con uniformi di cheerleading occidentali. I giochi incentrano le squadre di allievi assistendo le persone in un disperato bisogno di aiuto incoraggiandole e dando loro la motivazione per avere successo. Ci sono anche un All Star Cheerleader e We Cheer per il Wii in cui si fa una routine alle competizioni con Wiimote e Nunchuck. All Star Cheerleader è disponibile anche per Nintendo DS.

Cheerleading in Canada

La cheerleading in Canada sta crescendo in popolarità tra i giovani nei programmi co-curriculari. La cheerleading è passata da un’attività secondaria a un’attività competitiva in tutto il mondo e in particolare in Canada. Cheerleading ha alcuni flussi nella cultura sportiva canadese. È disponibile presso la scuola media, il liceo, il collegiato e il più noto per tutte le star. Ci sono più opportunità regionali, provinciali e nazionali per tutti gli atleti che partecipano alla cheerleading. Il Canada non ha squadre provinciali, solo un programma nazionale denominato CCU o Team Canada. Il loro primo anno come squadra nazionale è stato nel 2009, quando hanno rappresentato il Canada all’International Cheer Union International Cheerleading Championships International IC ( International Cheer Union ). [87]

Canada come competizione

Non esiste un organo di governo ufficiale per la cheerleading canadese. Le regole e le linee guida per le cheerleader utilizzate in Canada sono quelle stabilite dall’USASF . Tuttavia, ci sono molte organizzazioni in Canada che partecipano alle competizioni e hanno regole e schede di punteggio separate e individuali per ogni competizione. Cheer Evolution è la più grande organizzazione di cheerleading e danza per il Canada. Tengono molte competizioni e offrono una competizione per le offerte ai Mondiali. Ci sono altre organizzazioni come la Ontario Cheerleading Federation (Ontario), la Power Cheerleading Association (Ontario), Kicks Athletics (Quebec) e l’International Cheer Alliance (Vancouver). Ci sono oltre quaranta club di palestra competitivi riconosciuti con numerose squadre che competono a concorsi in tutto il Canada. [88]

Il Canada ai Campionati del Mondo di Cheerleading (USASF / ICU)

Ci sono due campionati mondiali a cui partecipa il Canada. Ci sono i Campionati del Mondo ICU in cui le squadre nazionali si sfidano e poi ci sono i campionati mondiali di club. Queste squadre di club sono denominate squadre „all-star“ che competono ai campionati del mondo di Cheerleading dell’USASF. Qui è dove le squadre devono aver guadagnato un’offerta dal proprio paese per partecipare. I membri della squadra nazionale che competono ai Mondiali ICU possono anche competere con i loro team di „all-star club“. [89] Sebbene gli atleti possano competere in entrambe le International Cheer Union(ICU) e USASF, non sono consentiti passaggi incrociati tra le squadre per ogni singola competizione. Le squadre gareggiano contro le altre squadre dei rispettivi paesi nel primo giorno di gara e le prime tre squadre di ogni paese in ogni divisione continuano le finali. Alla fine delle finali, la squadra che segna il punteggio più alto per il proprio paese guadagna la „Coppa delle Nazioni“. Il Canada ha più squadre in tutto il loro paese che competono nel Campionato dei Mondiali Cheerleading di USASF. [90]

L‘ International Cheer Union (ICU) è costruita in 103 paesi che competono l’uno contro l’altro in quattro divisioni; Coed Premier, All-girl Premier, Coed Elite e All-girl Elite. Il Canada ha una squadra nazionale diretta dalla Canadian Cheer Union (CCU). Il loro team di livello 5 di Coed Elite e il loro team di livello 5 di livello All-girl sono 4 volte campioni del mondo. Sono trovati da tutto il paese. Nel 2013, hanno aggiunto altre due squadre al proprio roster. Una nuova divisione che competerà testa a testa con gli Stati Uniti: in entrambe le divisioni All-girl e Coed Premier di livello 6. I membri provano e vengono selezionati sulla base delle loro capacità e potenzialità per avere successo. Gli atleti sono selezionati da tutto. Il programma nazionale canadese è diventato uno dei programmi di maggior successo. [91]