L’importanza della  componente artistica delle cerimonie di apertura  va oltre la semplice identità nazionale e la cultura di una nazione ospitante. Le percezioni e le reazioni internazionali alla componente artistica vengono prese in considerazione durante la pianificazione. Il modo in cui il pubblico internazionale risponde può indicare l’accettazione della nazione ospitante da parte di altre nazioni.  [1]  Ogni nazione ospitante mira a salutare e impressionare un pubblico internazionale, per cercare di rimanere in prima linea nell’ammirazione e nell’attenzione del mondo.  [2]  [3]

Storia

Il programma artistico delle cerimonie di apertura olimpica viene utilizzato per rappresentare e promuovere l’identità e la cultura nazionali.  [1]  Come elencato nella Carta olimpica , l’espressione delle idee universali dell’umanesimoe dell’internazionalismo pacifico deve far parte della componente artistica oltre all’espressione dell’identità e della cultura della nazione ospitante. Storicamente pieno di tradizioni; la nazione ospitante cerca di presentare il proprio programma artistico in modo creativo e trasformativo.  [4]

Elementi artistici

Tecnologia

L’illuminazione è diventata un grande sostenitore della tecnologia da quando Barcellona ha ospitato le Olimpiadi del 1992 e ha tenuto la sua cerimonia di apertura in serata. L’illuminazione massimizza l’impatto visivo del programma.  [2]

  • Ad Atene 2004 , un giavellotto luminoso è stato lanciato lentamente attraverso lo stadio da un centauro olografico.  [2]
  • L’uso delle luci a LED è stato introdotto per la prima volta a Pechino nel 2008. All’inizio della cerimonia, 2.000 batteristi avevano una batteria incorporata con uno schermo a LED. Ogni batterista aveva delle bacchette incandescenti usate per contare l’apertura ufficiale della cerimonia, oltre a sincronizzare potenza e musica in un unico grande movimento rituale.  [2]  [3]  [5]

Attraverso l’uso della tecnologia digitale, l’illuminazione può essere usata come metafora della speranza, dell’innocenza e della scoperta della conoscenza umana per tutti coloro che guardano o partecipano alle cerimonie di apertura.  [2]

Originalità simbolica

La Carta Olimpica richiede alle nazioni ospitanti di mantenere le tradizioni stabilite dagli antichi greci . Come una nazione ospitante presenta le tradizioni è rappresentato attraverso simboli. Ad esempio, gli anelli olimpici sono un simbolo e un logo importanti per le Olimpiadi . Il modo in cui una nazione ospitante li presenta è diventato il momento centrale delle cerimonie di apertura. Prima che gli anelli vengano rivelati, di solito c’è un breve momento di silenzio.  [2]

  • Nelle Olimpiadi di Seoul del 1988 e nelle Olimpiadi di Barcellona del 1992 , gli artisti hanno formato gli anelli agitando tessuti colorati.  [2]
  • Nelle Olimpiadi di Atlanta del 1996 , le cheerleaders hanno rivelato gli anelli.  [2]
  • Nelle Olimpiadi di Sydney del 2000 , i cavalli al galoppo hanno creato gli anelli olimpici.  [2]

In tutto il mondo, gli anelli olimpici sono diventati un logo vitale. La revoca degli anelli durante le cerimonie di apertura è una parte importante del programma artistico. Pertanto, è imperativo che il comitato organizzatore introduca con successo questo simbolo iconico.  [2]

Accattivante incanto e capricciosità

Il programma artistico è progettato per mettere da parte le differenze tra paesi e negatività attraverso la morbidezza e la fantasia. Palloncini e composizioni floreali sono stati usati come segni di moltiplicazione.  [2]

  • Durante le Olimpiadi di Barcellona del 1992 , la disposizione multicolore della rama de flores di Rambla creò una creazione fantasiosa.  [2]
  • Le Olimpiadi di Seoul del 1988 hanno caratterizzato una danza floreale per la pace. Le donne indossavano lunghe maniche con grandi tovaglie bianche.  [2]

In termini di fantasia, una creazione giocosa può anche essere utilizzata per attrarre una vasta gamma di pubblico. In genere, l’uso di bambini e motivi infantili contribuisce a creare questo senso del sogno. Sono state usate anche le mascotte.  [2]

  • Nelle Olimpiadi di Sydney del 2000, la sezione di apertura era intitolata “ Deep Sea Dreaming „. Un gruppo di subacquei dilettanti si è fatto strada attraverso lo stadio in modo comico per simulare il sogno di un bambino.  [2]

Grandeur musicale

La musica può essere usata come un potente strumento per manipolare le emozioni e avere un impatto sulle opinioni internazionali di una nazione. La musica ha un’importanza simbolica, collegando la cultura all’identità. Ad esempio, „Ode to Joy“ di Beethoven è diventato associato alle Olimpiadi. Rotoli di tamburi e cornici araldiche sono usati per introdurre i capi di stato e gli inizi degli inni nazionali. Percussioni e percussioni portano la grandezza musicale al suo livello più basilare ed efficace. I tamburi sono stati usati nelle Olimpiadi di Seoul del 1988 , nelle Olimpiadi di Atene 2004 e nelle Olimpiadi di Pechino del 2008 .  [5]  Pertanto, la grandezza musicale è stata intessuta in programmi artistici, perché seduce, stordisce e introduce il pubblico straniero a suoni nazionali e culturali. [2]

Riferimenti

  1. ^ Salta a: b   Xu, Xin (2006), „Modernizzare la Cina sotto i riflettori olimpici: l’identità nazionale della Cina e le Olimpiadi di Pechino 2008“,  Il comitato editoriale della rassegna sociologica  : 90-107  Controllare i valori della data in: ( aiuto ) 
    |year= / |date= mismatch
  2. ^ Salta a: un  p   Arning, Chris (2013), „Soft Power, l’ideologia e manipolazione simbolica nelle Olimpiadi estive cerimonie di apertura: un’analisi semiotica“,  semiotica sociale  ,  23  (4): 523-544, doi : 10.1080 / 10350330.2013.799008
  3. ^ Salta a: b   Lawson, Francesca RS (2011), „Musica in rituale e rituale in musica: le percezioni di un visualizzatore virtuale su liminalità, funzionalità e mediatizzazione nella cerimonia di apertura dei giochi olimpici di Pechino 2008“,  Asian Music  ,  42 (2): 3-18, doi : 10.1353 / amu.2011.0015
  4. Salta su^  Traganou, Jilly (2010), „Narrazioni nazionali nelle cerimonie di apertura e di chiusura dei giochi olimpici di Atene 2004“ ,  Journal of Sport & Social Issues  ,  34  : 236-251, doi : 10.1177 / 0193723509360217
  5. ^ Salta a: b  Opening Ceremony – Giochi olimpici estivi di Pechino 2008 su YouTube