Negli sport professionistici , un tetto salariale (o un tetto salariale ) è un accordo o una regola che pone un limite alla quantità di denaro che una squadra può spendere per i salari dei giocatori. Esiste come limite per giocatore o limite totale per il roster della squadra, o entrambi. Diversi campionati sportivi hanno implementato tetti salariali, usandolo per mantenere bassi i costi complessivi, e anche per mantenere un equilibrio competitivo limitando le squadre più ricche a trincerarsi sul predominio firmando molti più giocatori migliori rispetto ai loro rivali. I salary cap possono essere uno dei problemi principali nelle negoziazioni tra la gestione della lega e i sindacati dei giocatori , e sono stati il ​​punto focale di numerosi attacchi da parte di giocatori e serrateda proprietari e amministratori. [1] [2]

Adozione

I salary cap sono usati dai seguenti campionati sportivi di tutto il mondo:

  • Nord America
    • La National Football League , la National Hockey League , la Major League Soccer , la Canadian Football League , la National Lacrosse League , la National Women’s Soccer League e le serie minori di vari sport.
    • La National Basketball Association usa la soft cap + sistema di tassazione del lusso , mentre la Major League Baseball non ha alcun tetto salariale e implementa invece solo una tassa sul lusso (vedi sotto).
  • Regno Unito :
    • In Inghilterra , i campionati di alto livello in entrambi i codici di rugby – l‘ Aviva Premiership nel rugby union e la Super League nella lega di rugby – hanno un tetto di stipendio.
    • Le quattro squadre regionali gallesi nella Pro12 del rugby union, ora nota come Pro14 , hanno adottato unilateralmente un tetto salariale efficace con la stagione 2012-13.
  • Australia e Nuova Zelanda : la maggior parte delle leghe più importanti che operano nei due paesi hanno disposizioni sul salary cap:
    • La Australian Football League (football australiano delle regole), che opera solo in Australia.
    • La National Rugby League (lega di rugby), A-League (calcio (calcio)) e la National Basketball League , ognuna delle quali ha sede in Australia, ma ha una squadra in Nuova Zelanda.
    • Il campionato ANZ nel netball, che ha 10 squadre equamente suddivise tra i due paesi.
    • Nell’unione di rugby, la migliore competizione nazionale della Nuova Zelanda, ora nota come Mitre 10 Cup , è limitata. Inoltre, le squadre australiane nella competizione Super Rugby operano sotto un tetto unilateralmente adottato (le squadre degli altri quattro paesi partecipanti al Super Rugby – Argentina, Giappone, Nuova Zelanda e Sud Africa – non sono attualmente coperte da alcun tetto, sebbene entrambi Nuova Zelanda e Sud Africa impongono un tetto massimo ai salari dei singoli giocatori [3] [4] ).
  • Eurasia : la Kontinental Hockey League , con sede in Russia e che comprende anche squadre in Bielorussia , Cina , Finlandia , Kazakistan , Lettonia e Slovacchia , ha operato con un tetto salariale sin dalla sua creazione nel 2008.
  • Francia : il campionato di rugby di primo livello del Paese, Top 14 , ha istituito un tetto salariale efficace con la stagione 2010-11 .

Recentemente, diversi campionati europei di calcio delle federazioni hanno anche discusso l’introduzione di tetti salariali. L‘ Unione delle associazioni calcistiche europee ha introdotto nel 2011 una serie di regolamenti sul fair play finanziario , che limita la spesa dei club calcistici in relazione al loro reddito.

Vantaggi

In teoria, ci sono due principali benefici derivati ​​dai limiti salariali: promozione della parità tra le squadre e controllo dei costi. [5] [6] [7]

In primo luogo, un’efficace protezione salariale impedisce alle squadre facoltose di certi comportamenti distruttivi, come la firma di una moltitudine di giocatori di stelle ad alto reddito per impedire ai loro rivali di accedere a questi giocatori e assicurare la vittoria attraverso un potere economico superiore. Con un tetto salariale, ogni club ha più o meno lo stesso potere economico di attrarre giocatori, il che contribuisce alla parità producendo talenti di gioco approssimativamente uguali in ogni squadra del campionato, e a sua volta porta benefici economici al campionato e ai suoi singoli team. Le leghe devono garantire un grado di parità tra le squadre in modo che i giochi siano eccitanti per i fan e non una conclusione scontata.

I campionati che hanno adottato i salary cap generalmente lo fanno perché credono che permettere ai team più ricchi di accumulare talento influenzi la qualità del prodotto sportivo che vogliono vendere. Se solo una o una manciata di squadre dominanti sono in grado di vincere in modo coerente e sfidare il campionato, molti dei concorsi saranno scoppi dalla squadra superiore, riducendo l’attrattiva dello sport per i tifosi allo stadio e gli spettatori in televisione. I ricavi televisivi sono una parte importante del reddito di molti sport in tutto il mondo, e il più equilibrato ed emozionante è il concorso, più interessante è il prodotto televisivo e più alto è il valore dei diritti di trasmissione televisiva. Una lega squilibrata minaccia anche la sostenibilità finanziaria delle squadre più deboli, perché se non c’è speranza a lungo termine di vincere la propria squadra,

Un esempio famoso di questo avvenimento fu l‘ Associazione dell’Unione , che operò nel 1884. La lega era dominata dai St. Louis Maroons, il cui proprietario, Henry Lucas, era anche presidente della lega (una evidente situazione di conflitto di interessi che ora è vietato) e ha acquistato tutti i migliori giocatori per il proprio franchise. Di conseguenza, i Maroons hanno vinto facilmente il gagliardetto con un record di 94-19 (percentuale vincente di .832), 21 partite in vantaggio sui rivali più vicini e il campionato si è piegato alla fine della stagione.

Un altro esempio famoso è l‘ All-America Football Conference , che ha funzionato tra il 1946 e il 1949. Nonostante abbia recitato in molti star e in allenatori innovativi, l’AAFC è stata dominata da una squadra, la Cleveland Browns, che ha perso solo tre partite in quattro anni e ha vinto tutti campionato nel campionato di quattro anni di esistenza, essendo imbattuto nel 1948, e vincendo tre di questi campionati in scioperi. Le presenze e le entrate sono diminuite costantemente dopo la seconda stagione del campionato, e il campionato si è piegato alla fine del 1949.

Il bisogno di parità è più pronunciato nei campionati che usano il sistema di franchising piuttosto che il sistema di promozione e retrocessione , che viene utilizzato nel calcio europeo . La struttura di un sistema di promozione e retrocessione significa che squadre più deboli combattono contro la minaccia della retrocessione, aggiungendo importanza ed eccitazione alle partite dei team più deboli. Gare di club internazionali come la UEFA Champions League significano anche che i migliori club hanno sempre qualcosa per cui giocare, anche nel più squilibrato dei campionati nazionali.

Un tetto salariale può anche aiutare a controllare i costi delle squadre, e prevenire le situazioni in cui un club firmerà contratti ad alto costo per i giocatori più famosi, al fine di cogliere i benefici della popolarità immediata e del successo, solo per poi trovarsi in difficoltà finanziarie perché di questi costi. Senza protezioni, c’è il rischio che i team spendano di più per vincere ora a spese della stabilità a lungo termine: i proprietari di team che utilizzano la stessa analisi di rischio-beneficio utilizzata nel business possono rischiare non solo le sorti della propria squadra, ma il reputazione e vitalità dell’intera lega.

Gli appassionati di sport in genere cercano di supportare una squadra per la vita, non solo un prodotto da acquistare a breve termine. Se le squadre falliscono regolarmente o cambiano i mercati allo stesso modo delle aziende, allora l’intero sport appare instabile per i fan, che potrebbero perdere interesse e passare il loro supporto a uno sport più stabile in cui la loro squadra e i loro rivali hanno più probabilità di giocare in a lungo termine.

Hard cap, soft cap e floor dello stipendio

Un tetto salariale può essere definito come un berretto duro o un berretto molle .

Un limite massimo rappresenta un importo massimo che non può essere superato per nessun motivo. Gli appalti che fanno sì che una squadra violi un berretto duro sono soggetti a gravi sanzioni, tra cui l’annullamento dei contratti violenti e lo spogliamento dei campionati vinti mentre violano le regole sui salary cap, che è accaduto alla Melbourne Storm nel NRL . Le protezioni rigide sono progettate in modo che i rigori scoraggino il tappo, ma ci sono numerosi esempi di mazze che hanno occasionalmente e / o sistematicamente ingannato il cap.

Un soft cap rappresenta un importo che può essere superato in circostanze limitate, ma altrimenti il ​​superamento del limite provocherà una penalità che è nota in anticipo. In genere queste sanzioni sono di natura finanziaria; multe o una tassa sul lusso sono sanzioni comuni utilizzate dalle leghe.

Un piano di stipendio è un importo minimo che deve essere speso per la squadra nel suo complesso, e questo è separato dal salario minimo del giocatore concordato dalla lega. Alcune leghe, in particolare la NFL , hanno un duro piano salariale che richiede alle squadre di soddisfare il piano salariale ogni anno, il che aiuta a impedire ai team di utilizzare il tetto salariale per ridurre al minimo i costi.

Quando il tetto salariale e il piano sono uguali, il risultato è un modello di pagamento del contratto standard , in cui a ciascun giocatore viene pagato lo stesso importo, a volte variabile in base alla posizione. Il modello di contratto standard è utilizzato estesamente nei campionati minori nordamericani .

Clausola di riserva

Prima dell’attuazione dei tetti di stipendio, l’influenza economica dei club sui mercati dei giocatori era controllata dalla clausola di riserva , che era da tempo una clausola standard nei contratti di calciatori professionisti negli Stati Uniti. La clausola proibiva a un giocatore di negoziare con un’altra squadra senza il permesso della squadra che detiene i diritti di quel giocatore anche dopo il termine del contratto. Questo sistema ha cominciato a svelarsi negli anni ’70, in gran parte grazie all’attivismo dei sindacati dei giocatori e alla minaccia di azioni legali anti-trust . La star del cardinale di St. Louis, Curt Flood, ha iniziato la partitaquando ha rifiutato un mestiere ai Philadelphia Phillies. Era stato un giocatore per 12 anni e sentiva che avrebbe dovuto avere una voce in cui giocava a baseball. Anche se ha perso il suo caso nella Corte Suprema, è stato il primo giocatore di baseball a cercare di porre fine alla clausola di riserva. Sebbene le azioni antitrust non rappresentassero una minaccia per il baseball , che è stato a lungo esente dalle leggi anti-trust, la clausola di riserva dello sport è stata decurtata da un arbitro degli Stati Uniti come violazione delle leggi sul lavoro.

Negli anni ’90 la maggior parte dei giocatori con esperienza professionale di diversi anni divenne agenti liberi alla scadenza dei loro contratti e fu libera di negoziare un nuovo contratto con la loro squadra precedente o con qualsiasi altra squadra. Questa situazione, denominata Restricted Free Agency, ha portato a „fare offerte di guerre“ per i migliori giocatori, una situazione che di per sé ha dato un vantaggio nello sbarcare tali giocatori verso squadre più facoltose nei più grandi mercati dei media.

Nei campionati del Nord America

National Football League

Il nuovo Contratto collettivo di contrattazione collettiva (CBA) del 2011 ha avuto un tetto salariale iniziale di $ 120 milioni. Mentre il precedente CBA aveva un piano salariale, il nuovo CBA non ne aveva uno fino al 2013 . A partire da quella stagione, ogni squadra è tenuta a spendere un minimo dell’88,8% del cap in contanti sul compenso del giocatore, [8] e del 90% negli anni futuri. Tuttavia, il floor si basa sul totale del denaro speso in ciascuno dei due periodi di quattro anni, il primo a partire dal 2013-2016 e il secondo dal 2017-2020. Una squadra può essere sotto il pavimento in una o più stagioni in un ciclo senza violare il CBA, a condizione che la sua spesa totale durante il periodo di quattro anni raggiunga la percentuale richiesta del cap. [8]Ciò consente circostanze impreviste come infortuni che terminano la carriera o pensionamenti imprevisti dei giocatori che portano a penalità immediate. Di conseguenza, le squadre non sono costrette a sostituire immediatamente i giocatori mancanti, il che consente loro di utilizzare approcci più organici come il commercio, l’acquisizione gratuita dell’agenzia o la bozza.

Il cappello della NFL è un berretto duro che le squadre devono sempre tenere sotto controllo, e il piano salariale è anche un pavimento duro; le sanzioni per la violazione o l’elusione delle norme sui cap and floor comprendono multe fino a $ 5 milioni per ogni violazione, annullamento di contratti e / o perdita di bozze di prelievo.

Il cap è stato introdotto per la prima volta nella stagione 1994 e inizialmente era di $ 34,6 milioni. Sia il cap che il floor sono regolati annualmente in base alle entrate della lega, e sono aumentati ogni anno. Nel 2009 , l’ultimo anno limitato in base a tale accordo, il cap è stato di $ 128 milioni per squadra, mentre il floor era dell’87,6% del cap. Usando la formula fornita nel contratto collettivo della lega, il floor nel 2009 è stato di $ 112,1 milioni. Secondo l’accordo della NFL con la NFLPA , gli effetti sul tetto salariale dei pagamenti garantiti (come i bonus di firma) sono, con alcune rare eccezioni, ripartiti in modo uniforme per tutta la durata del contratto.

Nelle transizioni, se un giocatore si ritira, viene scambiato o viene tagliato prima del 1 ° giugno, tutto il bonus rimanente viene applicato al tetto salariale per la stagione in corso. Se il cambio del libro paga avviene dopo il 1 ° giugno, la valutazione del bonus della stagione corrente è invariata e il cap del prossimo anno deve assorbire l’intero bonus rimanente. Quando un giocatore è in franchising, il tetto salariale sarà influenzato. Quando il tetto salariale non può essere raggiunto per un giocatore taggato, la National Football League finanzierà il resto del contratto. Solo un singolo giocatore può essere taggato per anno.

A causa di questa configurazione, i contratti NFL includono quasi sempre il diritto di tagliare un giocatore prima dell’inizio di una stagione. Se un giocatore viene tagliato, il suo stipendio per il resto del suo contratto non viene né pagato né contato rispetto al tetto salariale per quella squadra. Un giocatore molto richiesto che firma un contratto a lungo termine riceverà di solito un bonus alla firma, garantendogli così sicurezza finanziaria anche se viene tagliato prima della fine del suo contratto.

I bonus incentivanti richiedono che una squadra paghi un giocatore in più se raggiunge un determinato obiettivo. Ai fini del tetto salariale, i bonus sono classificati come „suscettibili di essere guadagnati“, il che richiede che l’importo del bonus venga conteggiato rispetto al tetto salariale della squadra o „non suscettibile di essere guadagnato“, che non viene conteggiato. Il tetto salariale di una squadra viene corretto al ribasso per i bonus NLTBE guadagnati nell’anno precedente ma non contati rispetto al tetto di quell’anno. È aggiustato verso l’alto per i bonus LTBE che non sono stati guadagnati nell’anno precedente ma sono stati conteggiati rispetto al cap di quell’anno.

Un effetto del tetto salariale è stato il rilascio di molti giocatori veterani di livello più alto rispetto ad altre squadre, una volta che la loro produzione ha iniziato a declinare a livello di élite. D’altra parte, molte squadre hanno fatto pratica di usare agenti liberi per rifornirsi di personale migliore più adatto alla squadra. Il tetto salariale ha impedito alle squadre con finanze superiori di impegnarsi nella pratica precedentemente diffusa di rifornire il maggior numero possibile di talenti sul roster, collocando i giocatori più giovani in liste di riserva con false lesioni mentre si trasformavano in giocatori capaci di NFL. A questo proposito, il cap funziona come supplemento al limite di 55 uomini e ai limiti della squadra pratica.

In generale, la pratica di mantenere giocatori veterani che avevano contribuito alla squadra in passato, ma le cui abilità sono diminuite, divenne meno comune nell’era del tetto salariale. [9]Il salario minimo di un veterano era richiesto per essere più alto di un giocatore con minore esperienza, il che significa che i team tendevano a preferire prospettive più economiche e meno esperte con potenziale di crescita, con l’obiettivo di avere un gruppo di giocatori che si sviluppano presto contratti meno costosi rispetto ai loro coetanei. Per controbilanciare questa tendenza che ha spinto i giocatori veterani, compresi quelli che sono diventati favoriti, l’associazione dei giocatori ha accettato un accordo in cui un veterano che non riceve bonus nel suo contratto può essere pagato al minimo veterano fino a $ 810.000, mentre conta solo $ 425.000 in salary cap space (uno sconto del 47,5%).

Il tetto salariale serviva anche a limitare il tasso di aumento del costo di gestione di una squadra. Ciò si è accumulato a vantaggio dei proprietari, e mentre il tetto iniziale di 34,6 milioni di dollari è aumentato a 123 milioni di dollari (massimo nel 2009), questo è dovuto a una grande crescita delle entrate, compresi i ricavi di merchandising e le imprese web, che la proprietà condivide con i giocatori anche.

I proprietari hanno optato per la CBA nel 2008, portando a una stagione senza cappuccio nel 2010. [10] Durante la stagione , la maggior parte delle squadre NFL spende come se ci fosse comunque un cap in place, con l’avvertimento del campionato contro i contratti di caricamento frontale durante la stagione. I Dallas Cowboys , i New Orleans Saints , Oakland Raiders e Washington Redskins hanno scelto di spendere soldi nello spirito di un anno non tappato, e nel 2012 i Cowboys e Redskins (le prime due squadre NFL per fatturato nel 2011) [11]sono stati attraccati rispettivamente da $ 10 milioni e $ 36 milioni dai loro tetti salariali, per essere distribuiti nelle prossime due stagioni. Questo $ 46 milioni è stato successivamente diviso tra le 26 squadre NFL rimanenti ($ 1,77 milioni ciascuna) come spazio aggiuntivo (questo esclude i Raiders e Saints, l’ultimo dei quali stava anche affrontando il loro scandalo di munizioni in corso , visto che entrambe le squadre avevano superato il cap. , anche se in misura minore rispetto ai Cowboys e ai Redskins). [12]

Le azioni della lega per punire quelle squadre che agivano entro i loro limiti legali durante l’anno non tappato hanno portato a una causa legale contro di loro da parte della NFLPA. Il caso ha argomentato che il resto del campionato si è colluso per far sì che i salari medi dei giocatori aumentassero in un anno in cui si aspettavano che salissero alle stelle e puniti ingiustamente squadre che non colludevano. La NFL ha risolto la causa con la NFLPA. [13]

Anno Massimo stipendio di squadra
2016 $ 155,27 milioni [14]
2015 $ 143,28 milioni [15]
2014 $ 133 milioni [16]
2013 $ 123 milioni [17]
2012 $ 120,6 milioni [18]
2011 $ 120 milioni [18]
2010 uncapped
2009 $ 123 milioni
2008 $ 116 milioni
2007 $ 109 milioni
2006 $ 102 milioni
2005 $ 85,5 milioni
2004 $ 80,582 milioni
2003 $ 75,007 milioni
2002 71,101 milioni di dollari
2001 $ 67,405 milioni
2000 $ 62,172 milioni
1999 $ 57,288 milioni
1998 $ 52,388 milioni
1997 $ 41,454 milioni
1996 $ 40,753 milioni
1995 $ 37,1 milioni
1994 $ 34.608 milioni

Salario di anno in anno

National Hockey League

Per una discussione più dettagliata, vedi l’articolo Salario NHL .

Un tetto di stipendio esisteva nei primi giorni della National Hockey League (NHL). Durante la Grande Depressione , il campionato era sotto pressione finanziaria per abbassare il suo tetto salariale a $ 62,500 per squadra e $ 7000 per giocatore, costringendo alcune squadre a scambiare giocatori star ben pagati per adattarsi al cap. [19]

Tappo pre-salariale

Prima della risoluzione del blocco del 2004-05 , la NHL era l’unica importante lega sportiva professionale del Nord America che non aveva alcuna tassa sul lusso , una ripartizione delle entrate molto limitata e nessun tetto salariale.

Durante l‘ era dei Sei Originali fino ai primi anni dell’era dell’espansione , la rigorosa clausola di riserva della NHL ha negato la necessità di un tetto salariale.

Gli stipendi dei giocatori divennero per la prima volta un problema negli anni ’70, quando Alan Eagleson fondò la NHL Players ‚Association (NHLPA) e l’upstart World Hockey Association iniziò a competere con la NHL per i giocatori. Non tutti i proprietari di NHL erano disposti a impegnarsi in una guerra di offerte , in particolare, Harold Ballard dei Toronto Maple Leafs trascorse il più vicino possibile al campionato. Dal momento che i Maple Leaf Gardens sono stati costantemente venduti a prescindere da quanto maledettamente giocassero le Maple Leaf, la squadra di Ballard è stata di gran lunga la più redditizia.

Il blocco del NHL 1994-95 è stato combattuto per la questione del tetto salariale. La stagione 1994-95 è stata annullata solo parzialmente, con 48 partite e la fine dei playoff .

Otto franchising NHL erano basati in Canada al momento del blocco. Fino agli anni ’90, le squadre canadesi di solito pagavano i salari dei giocatori in dollari canadesi, ma con l’aumento dell’agenzia gratuita e il calo del valore del dollaro canadese, i giocatori e i loro agenti richiedevano sempre di essere pagati in dollari USA. I ricavi delle squadre canadesi erano, allora come ora, per lo più in dollari canadesi, e gli effetti della discrepanza erano particolarmente acuti per le piccole franchise di mercato. Le difficoltà finanziarie e le incertezze di competere nei più piccoli mercati canadesi hanno portato due club a trasferirsi negli Stati Uniti; il Quebec Nordiques a Denver e il Winnipeg Jets a Phoenix . Commissario NHL Gary Bettman persuase con successo i team statunitensi a donare a un pool per mitigare gli effetti negativi del tasso di cambio.

Negoziati

Le trattative per l‘ accordo contrattuale collettivo del NHL del 2004-05 sono state rivolte principalmente ai salari dei giocatori. Il campionato sosteneva che i suoi club spendevano circa il 75% delle entrate per salari, una percentuale molto più alta di quella di altri sport nordamericani; Il commissario della NHL, Gary Bettman, ha chiesto „certezza dei costi“ e ha presentato all’NHLPA diversi concetti secondo cui l’Associazione dei giocatori non considerava altro che eufemismi per un tetto salariale, che aveva promesso che non avrebbe mai accettato. Il precedente CBA era scaduto il 15 settembre 2004 e ne seguì un blocco che portò all’annullamento dell’intera stagione NHL del 2004-05 , la prima volta che una importante lega sportiva nel Nord America aveva perso un’intera stagione in una disputa sindacale.

Salario attuale cap

Il blocco è stato risolto quando la NHLPA ha acconsentito a un tetto salariale basato sui ricavi della lega, con la compartecipazione alle entrate della NHL per consentire una cifra più alta. Il tetto salariale NHL è formalmente intitolato „Limite superiore della gamma salariale“ nel nuovo CBA. Per la stagione NHL 2005-06 , il tetto salariale è stato fissato a US $ 39 milioni per squadra, con un massimo di $ 7,8 milioni (il 20% del tetto della squadra) per un giocatore. Il CBA ha anche ordinato il pagamento degli stipendi in dollari USA, codificando quella che era stata una pratica universale per oltre un decennio. [20]

I ricavi per le sei squadre canadesi presenti nel campionato al momento del blocco sono tutti aumentati significativamente da allora, e poiché il dollaro USA è sceso alla parità relativa con la sua controparte canadese nei primi mesi del 2010, i ricavi in ​​tutto il mondo misurati in dollari USA sono stati gonfiati di conseguenza.

Come risultato di questi fattori, il cap è stato aumentato ogni anno del CBA 2005-12 a 64,3 milioni di dollari per la stagione 2011-12 , con un cap di 12,86 milioni di dollari per un giocatore. Il CBA contiene anche un piano di stipendio che è formalmente intitolato „Lower Limit of the Payroll Range“, il minimo che ogni squadra deve pagare nei salari dei giocatori. Il limite inferiore era originariamente fissato al 55% del cap, ma è ora definito inferiore di $ 16 milioni al cap, pertanto il minimo 2011-12 era di $ 48,3 milioni.

Poiché l’attuale CBA è stato approvato dopo un blocco successivo nel 2012-13 , i ricavi della lega sono rimasti stagnanti a causa di un significativo calo del valore del dollaro canadese rispetto al dollaro USA. Il cap è stato di $ 69 milioni per la stagione 2014-15 e sarà $ 74 milioni per il 2016-17 . [21]

La differenza tra il salary cap e l’effettivo stipendio di una squadra viene definita „payroll room“ o „cap room“ della squadra.

Ogni anno di un contratto con un giocatore NHL, lo stipendio guadagnato contribuisce al „cap hit“ della squadra. L’importo base di un contratto per ogni anno in cui è efficace è il denaro totale che un giocatore guadagnerà nello stipendio regolare per tutta la durata del contratto diviso per il numero di anni in cui è efficace. Questo, in teoria, impedisce ad una squadra di pagare un giocatore in quantità diverse ogni anno per caricare il suo cap in anni in cui la squadra ha più spazio. Le squadre usano ancora questa pratica, tuttavia, per altri motivi. I bonus di rendimento contano anche per il cap, ma c’è una percentuale in cui una squadra può superare il cap per pagare i bonus. Una squadra deve comunque considerare possibili pagamenti bonus, che potrebbero superare tale percentuale.

Gli stipendi per i giocatori inviati ai minori, nella maggior parte dei casi, non contano per il cap mentre sono lì. Se un giocatore ha una lesione legittima a lungo termine, il suo colpo di berretto è ancora contato; tuttavia, la squadra è autorizzata a sostituirlo con uno o più giocatori il cui stipendio combinato è uguale a (o inferiore a) quello del giocatore infortunato, anche se i giocatori aggiuntivi metterebbero la squadra oltre il limite salariale. Se la cap room della squadra è più grande di quella colpita dal berretto del giocatore ferito, può occupare tanto quanto la sua cap room; tuttavia, il giocatore infortunato potrebbe non tornare a giocare finché la squadra non sarà nuovamente conforme al cap originale.

Il NHL è diventato il primo dei maggiori campionati del Nord America a implementare un hard cap mantenendo contratti garantiti per i giocatori. I contratti garantiti per i giocatori nella NHL differiscono da altri sport, in particolare la NFL, in cui le squadre possono rinunciare a un contratto rinunciando o tagliando un giocatore. Le squadre NHL possono acquistare i contratti dei giocatori, ma devono comunque pagare una parte del denaro ancora dovuto che è distribuito oltre il doppio della durata residua del contratto. Questo non si applica ai giocatori con più di 35 anni al momento della firma; in questo caso una squadra non può acquistare il contratto del giocatore per ridurre il salario. Qualsiasi altro giocatore può essere acquistato per ⅓ dello stipendio rimanente se il giocatore ha meno di 28 anni al momento della risoluzione, o ⅔ dello stipendio rimanente se il giocatore ha 28 anni o più. Fare soldi in contanti per i giocatori o pagare lo stipendio rimanente di un giocatore dopo averlo scambiato è stato messo al bando a titolo definitivo al fine di impedire alle squadre più abbienti di eludere le restrizioni del cap.

Giocatori, agenti o impiegati che hanno violato il cap hanno subito multe di $ 250.000 – $ 1 milione e / o sospensione. Le squadre che hanno violato il cap facevano multe fino a $ 5 milioni, la cancellazione di contratti, la perdita di bozze di prelievo, la detrazione di punti e / o la perdita di gioco determinati a essere stati influenzati dalla violazione del cap.

National Basketball Association (soft cap + tassa sul lusso)

Per una discussione più dettagliata, vedi l’articolo cap salario NBA .

La NBA aveva un tetto salariale a metà degli anni ’40, ma fu abolita dopo una sola stagione. Il campionato continuò a funzionare senza un tale cap fino alla stagione 1984-85 , quando uno fu istituito nel tentativo di livellare il campo di gioco tra tutte le squadre della NBA e garantire un equilibrio competitivo per l’Associazione in futuro. Prima che il cap fosse reintegrato, i team potevano spendere qualunque somma di denaro volessero sui giocatori, ma nella prima stagione sotto il nuovo cap, erano ciascuno limitato a 3,6 milioni di dollari in totale. Nell’ambito del CBA del 2005, i salari erano limitati al 57% del reddito relativo al basket (BRI) e sono durati sei anni fino al 30 giugno 2011. Il prossimo CBA, entrato in vigore nel 2011-12, ha fissato il tetto al 51,2% del BRI nel 2011-12. , con una fascia da 49 a 51 negli anni successivi. Il tetto salariale per la stagione 2016-17 è stato fissato a 94,14 milioni di dollari, con il piano salariale a 84,73 milioni e il limite di imposta sul lusso a 113,29 milioni di dollari. [22] L’attuale CBA è entrata in vigore con la stagione 2017-18.

L’NBA utilizza un limite „soft“, il che significa che alle squadre è stato permesso di superare il limite per mantenere i diritti su un giocatore che era già nella squadra. Questa disposizione era conosciuta come l‘ eccezione „Larry Bird“ , dal nome degli ex Boston Celticsgrande che è stato mantenuto da quella squadra fino al suo ritiro secondo le disposizioni di questa regola. Lo scopo di questa regola era quello di affrontare il disagio dei fan per il frequente cambio di squadre da parte dei giocatori sotto il sistema di libera agenzia, dato che i fan si sono dispiaciuti per il loro giocatore preferito della loro squadra preferita che si era improvvisamente ficcato in un’altra squadra. La disposizione „Larry Bird“ del tetto salariale conferiva alla squadra attuale del giocatore un vantaggio rispetto alle altre squadre nelle negoziazioni di liberi agenti, aumentando così le possibilità che un giocatore rimanesse con la sua squadra attuale. La fornitura tendeva a far sì che la maggior parte delle squadre fosse al di sopra del limite in qualsiasi momento. Le squadre che hanno violato le regole del cap hanno subito multe fino a $ 5 milioni, annullamento di contratti e / o perdita di bozze di prelievo, e è proibito firmare agenti gratuiti per più del minimo della lega.

L’NBA usa anche una „tassa sul lusso“ che viene attivata se il numero medio di stipendi del team supera una certa somma superiore al cap. In questo caso, le squadre con buste paga che superano una certa soglia dovevano pagare una tassa alla lega che è divisa tra le squadre con libri paga più bassi. Tuttavia, questa penalità è stata applicata contro le squadre in violazione solo se anche la media della lega ha superato una soglia separata.

La NBA ha implementato uno stipendio massimo per i singoli giocatori. Ciò è avvenuto a seguito di un drammatico aumento dei salari dei giocatori, nonostante il tetto salariale, a metà degli anni ’90. Sotto il CBA, il massimo salario possibile di un giocatore è aumentato insieme al suo tempo di servizio nel campionato. Per un giocatore con esperienza di cinque anni, la soglia massima di stipendio è iniziata al 25% del tetto salariale, con aumenti annuali fino al 10,5% possibili oltre a quelli per i giocatori riconfermati dalla loro squadra originale, o aumenti annuali dell’8% gratuiti agenti che hanno firmato con nuovi team. Per i giocatori di maggiore esperienza, il limite salariale era più alto, ma il limite del 10,5% sugli aumenti annuali è rimasto lo stesso.

Il CBA del 2011 ha comportato diverse importanti modifiche allo schema retributivo. La maggior parte di questi cambiamenti è stata mantenuta nel CBA del 2017.

Il cappuccio rimane un cappuccio morbido; l’eccezione Bird rimane in vigore, ma le squadre hanno meno spazio finanziario per mantenere un giocatore con i diritti Bird rispetto al precedente accordo. [23]

Il CBA del 2011 ha anche ridotto la durata massima di un contratto di un anno e ridotto gli aumenti annuali consentiti. Gli agenti esenti da uccelli hanno diritto a contratti quinquennali con aumenti del 7,5%; tutti gli altri giocatori (incluse le acquisizioni sign-and-trade) sono limitati a contratti di 4 anni con aumenti del 4,5%. I salari massimi rimangono a 25, 30 o 35% del limite, a seconda degli anni di servizio. Un giocatore che si ritira dal suo contratto di scala del debitore, che normalmente sarebbe idoneo a ricevere uno stipendio del 25% del cap, può ricevere il 30% se è nominato MVP , fa due volte una squadra All-NBA o viene selezionato come antipasto in due giochi All-Star . [23]A partire dalla fine della stagione 2017-18, i criteri per un contratto del 30% cambieranno; per qualificarsi, il giocatore deve essere stato nominato MVP in una delle tre stagioni precedenti, nominato Giocatore difensivo dell’anno nella stagione immediatamente precedente o due delle tre stagioni più recenti; o nominato per un team All-NBA nella stagione immediatamente precedente o due delle tre stagioni più recenti. [24]

Questi nuovi criteri sono gli stessi che determinano l’eleggibilità per un nuovo tipo di contratto introdotto con il CBA 2017: il designated Veteran Player Extension (DVPE), popolarmente noto come contratto „supermax“. I giocatori che entrano nella loro ottava o nona stagione nella lega che soddisfano i suddetti criteri possono essere idonei a firmare un’estensione fino a 5 anni al 35% del cap, un salario normalmente consentito solo ai giocatori con 10 o più anni nel campionato. Tale estensione può essere offerta solo dalla squadra che aveva il giocatore sotto contratto nella stagione immediatamente precedente. Una squadra può usare questa estensione su un giocatore sotto contratto o un suo proprio agente libero, ma solo se la squadra che ha firmato ha originariamente abbozzato il giocatore o ottenuto in un trade durante il suo contratto di rookie. [25]

Nel 2011 sono state apportate modifiche sostanziali al regime fiscale di lusso. Le disposizioni fiscali in dollari per il CBA del 2005 sono rimaste in vigore per la stagione 2012-13. A partire dal 2013-14, la tassa è cambiata in un sistema incrementale. Le imposte vengono ora valutate a diversi livelli in base all’importo che una squadra supera la soglia di tassazione, che rimane a un livello superiore al tetto effettivo. Lo schema non è cumulativo: ogni livello di tassazione si applica solo agli importi superiori alla soglia di quel livello. Ad esempio, una squadra di $ 8 milioni oltre la soglia fiscale paga $ 1,50 per ciascuno dei suoi primi $ 5 milioni oltre la soglia fiscale e $ 1,75 per dollaro per i rimanenti $ 3 milioni. Inoltre, i „recidivi“, soggetti a ulteriori sanzioni fiscali, sono definiti come squadre che hanno pagato le tasse in quattro delle cinque stagioni precedenti. Come nel precedente CBA,[26] Tuttavia, nell’ambito del nuovo regime, non più del 50% delle entrate fiscali totali può essere destinato esclusivamente a squadre che non hanno superato il tetto massimo; l’uso del restante 50% non è stato specificato nel nuovo accordo. [23]

Importo sulla soglia di tassazione Imposta standard per dollaro in eccesso Ripetere la tassa del trasgressore per eccesso di dollaro
$ 5 milioni o meno $ 1,50 $ 2,50
$ 5 milioni a $ 10 milioni $ 1,75 $ 2,75
$ 10 milioni a $ 15 milioni $ 2,50 $ 3,50
$ 15 milioni a $ 25 milioni $ 3.25 $ 4,25
Ogni ulteriori $ 5 milioni $ 3,25 + $ 0,50 per $ 5 milioni $ 4,25 + $ 0,50 per $ 5 milioni

I team di contribuenti hanno limiti di spesa aggiuntivi nel nuovo accordo. Hanno una „eccezione di medio livello“ più piccola (un’altra clausola che consente alle squadre di superare il limite per firmare almeno un giocatore per stagione) e può acquisire meno stipendio in uno scambio. Inoltre, dal 2013-2014, le squadre che superano la soglia fiscale di $ 4 milioni o più non possono ricevere un giocatore in un accordo sign-and-trade. [23]

Anche l’eccezione di livello medio è cambiata con il CBA del 2011. La durata massima dei contratti di livello medio è stata ridotta da 5 anni a 4 per le squadre non contribuenti e di 3 per le squadre che pagano le tasse e sono stati ridotti anche gli aumenti massimi consentiti. Inoltre, l’eccezione di livello medio è stata estesa per la prima volta alle squadre sotto il tetto salariale; queste squadre hanno ricevuto un’eccezione di 2 anni. [23] Questa eccezione è stata mantenuta nell’analisi costi / benefici del 2017.

Nell’ambito del CBA 2011, le squadre hanno potuto „amnistiare“ un giocatore prima dell’inizio di ogni stagione, purché il suo contratto attuale fosse firmato durante l’CBA del 2005. Il giocatore amnistiato è stato esonerato dalla squadra; sebbene la precedente squadra del giocatore fosse obbligata a pagare il suo stipendio in base al vecchio contratto (con un credito per qualsiasi stipendio pagato da una squadra futura), tale stipendio non era più conteggiato ai fini del cap o dei calcoli della tassa sul lusso. Questa disposizione potrebbe essere utilizzata una sola volta per squadra durante la durata del CBA, che in origine era un accordo di 10 anni ma ha consentito a entrambe le parti di rinunciare nel 2017. [23] Il provvedimento di „amnistia“ è stato eliminato nel CBA del 2017, che è stato concordato dai proprietari e dai giocatori poco prima della data di opt-out.

Il piano salariale, precedentemente il 75% del tetto, è salito all’85% nel 2011-12 e nel 2012-13 e al 90% negli anni futuri. [23]

Major League Baseball (imposta sul lusso)

Articolo principale: Tassa di lusso della Major League Baseball

Invece di un tetto di stipendio, Major League Baseball implementa una tassa sul lusso (chiamata anche tassa sul bilancio concorrenziale ), un accordo in cui le squadre il cui stipendio totale supera una certa cifra (determinata annualmente) sono tassate sull’importo eccedente al fine di scoraggiare il grande mercato squadre da avere un libro paga sostanzialmente più alto rispetto al resto della lega. L’imposta viene pagata alla lega, che poi investe il denaro nel suo fondo di crescita industriale. [27] [28]

Una squadra che supera la soglia dell’imposta sul lusso per la prima volta in un periodo di cinque anni paga una penalità del 22,5% dell’importo in cui era oltre la soglia, i violatori per la seconda volta pagano una penalità del 30% e le squadre che superano il limite tre o più volte pagare una penale del 50% dal 2013 in poi. C’è anche un incentivo a ridurre i salari; se in qualsiasi anno una squadra scende sotto la soglia, il tasso di penalità scende al 17,5%, al 25% o al 40% (in base al record precedente nei cinque anni precedenti) per la prossima volta che viene pagata la tassa, che verrà applicata dal 2013.

La soglia per il 2017 è $ 195 milioni.

I seguenti team sono stati soggetti all’imposta sul lusso a partire dal 2015:

Imposta sul reddito pagata annualmente per squadra (in milioni di $) [29] [30] [31] [32] [33] [34] [35] [36] [37]
Squadra 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 Totale
Soglia fiscale di lusso 117 120.5 128 136.5 148 155 162 170 178 178 178 189 189
Yankees 11.80 25.96 34.05 26.01 23.88 26.86 25.69 18.03 13.90 18.92 28.11 18.33 26.1 297,64
Dodgers 11.42 26.62 43,6 81.64
Red Sox 3.15 4.15 0.50 6.06 1.49 3.43 1.8 20.58
Tigers 1.31 1.31
Giants 1.3 1.3
Angeli 0.93 0.93

I New York Yankees hanno pagato il 73,78% di tutte le tasse sul lusso riscosse da MLB.

I soldi raccolti sotto la tassa di lusso MLB sono ripartiti come segue: I primi $ 2.375.400 e il 50% del totale rimanente sono usati per finanziare i benefici dei giocatori, il 25% per l’Industry Growth Fund, e il restante 25% viene usato per coprire gli obblighi di finanziamento della squadra dai benefici del giocatore. [38]

Critica

Misurare il successo della tassa sul lusso nel portare i benefici della parità ha portato risultati contrastanti.

Una squadra con un libro paga di $ 100 milioni ha vinto le World Series 10 volte (i Yankees del 2009, i Red Sox del 2004, del 2007 e del 2013, i St. Louis Cardinals del 2011, i San Francisco Giants del 2010, del 2012 e del 2014, Kansas City 2015 Royals e i Chicago Cubs del 2016); tuttavia, mentre $ 100 milioni oltre ai libri paga esistevano solo dal 2001, l’ultima squadra a vincere le World Series con un salario inferiore a $ 100 milioni è stata il Philadelphia Phillies del 2008 (payroll $ 98,26 milioni). Tuttavia, questo può essere spiegato dal fatto che la maggior parte dei giocatori d’élite richiede alti stipendi quando colpiscono l’agenzia gratuita (a meno che il loro team non li estenda in anticipo) e le squadre con quei giocatori generalmente ottengano risultati migliori.

Mentre un libro paga di livello superiore aumenta le possibilità di squadra di fare i playoff, non garantisce che vinceranno regolarmente i campionati. D’altra parte, i New York Yankees hanno costantemente ottenuto il maggior numero di salari in MLB, e sono apparsi in 40 delle 113 World Series per 27 vittorie nel 2017 (35,5% di tutte le World Series con una percentuale di successo del 23,9%) .

Negli ultimi 30 anni, 19 diverse squadre hanno vinto le World Series. In confronto, solo 14 squadre diverse hanno vinto il Super Bowl NFL, 13 hanno vinto la NHL Stanley Cup e 10 hanno vinto il campionato NBA nello stesso periodo.

Altri esperti, come Michael Lewis , l’autore del bestseller Moneyball , hanno sostenuto che l’uso dei campionati della World Series come esempio di parità potrebbe essere fuorviante e le apparizioni nei playoff potrebbero essere un indicatore migliore della forza relativa della squadra. Il sistema di spareggio utilizzato nel baseball comprende un numero limitato di giochi rispetto al successo nel corso di una lunga stagione ed è stato descritto come un „crapshoot“ dal General Manager di Oakland A Billy Beane (la figura centrale di Moneyball). Infatti, le squadre con stipendi costantemente alti, tra cui i New York Yankees e Boston Red Sox, hanno ottenuto un elevato numero di posti barca ai playoff (le due squadre si sono combinate per vincere l’East 17 AL su 21 stagioni dal 1994 al 2014). Al contrario, le squadre con bassi livelli di stipendio sono molto meno propensi a fare i playoff: ad esempio, i Pittsburgh Pirates sono andati a 20 anni senza una stagione vincente prima di fare i playoff del 2013.

Un certo numero di piccoli gruppi di mercato, in particolare i Milwaukee Brewers, hanno chiesto l’introduzione di un tetto salariale, ma ogni introduzione è contrastata dal sindacato dei giocatori MLB e dal gruppo proprietario degli Yankees; questi ultimi hanno minacciato azioni legali se viene implementato un tale tetto.

Sebbene alcuni abbiano visto il successo dei proprietari di NHL nel loro blocco del 2004-05 come un’opportunità per MLB di riformare il proprio accordo collettivo, i proprietari di baseball hanno concordato un nuovo accordo quinquennale nell’ottobre 2006 che non includeva un tetto salariale. A differenza degli altri tre principali sport nordamericani, MLB non ha nemmeno un piano retributivo di squadra: gli unici limiti minimi per i libri paga del team si basano sui salari minimi per i singoli giocatori di vari livelli di esperienza che sono scritti nel contratto collettivo di MLB.

Major League Soccer

Vedi anche: Regola del giocatore designata

Ecco alcuni punti salienti delle regole e dei regolamenti MLS per la stagione 2017. [39]

  • L’elenco di una squadra può essere composto da un massimo di 30 giocatori. Possono essere selezionati per la squadra di 18 giocatori per ogni partita.
  • Il tetto salariale sarà di $ 3,845 milioni per squadra, senza contare lo stipendio aggiuntivo dei giocatori designati. I giocatori nei primi 20 posti saranno contro il cap.
  • I punti 19 e 20 del Roster non devono essere riempiti e le squadre possono distribuire il loro budget salariale solo su 18 giocatori. Un addebito minimo sul budget salariale ($ 65.000 nel 2017) verrà imputato sul budget di stipendio di una squadra per ciascun posto di rango senior non occupato di età inferiore a 18 anni.
  • Lo stipendio massimo per qualsiasi giocatore non designato è $ 480,625.
  • Un giocatore designato conta $ 480,625 contro il tetto di una squadra. Tuttavia, se un giocatore si unisce alla sua squadra nel mezzo della stagione, l’accusa contro il budget sarà di $ 240,312.
  • I giocatori che si trovano nei posti di roster dal 21 al 30 non contano contro il tetto di una squadra. Saranno conosciuti come giocatori fuori budget.
    • Quelli nelle slot per i giocatori 21-24 devono essere giocatori con un livello minimo di stipendio ($ 65.000 stipendio base – da $ 62.500 nel 2016) o Generation adidas player.
    • Quelli negli slot 25-30 devono essere un giocatore con una riserva salariale minima (stipendio base di $ 53.000 – da $ 51.500 nel 2016). Inoltre, coloro che guadagnano lo stipendio più basso possibile della lega devono avere 24 anni o meno durante l’anno solare 2017.
    • Quelli nelle slot 29-30 devono essere anche giocatori nati in casa .
  • Oltre al tetto salariale, ogni squadra MLS può anche spendere ulteriori fondi sul giocatore sotto forma di denaro per l’allocazione e sussidio per giocatore homegrown.

Dalla stagione 2012, il numero di cap per i giocatori designati è dipeso dall’età dei giocatori. Dalla stagione 2013, i giocatori di 20 o più giovani hanno contato $ 150.000 contro il cap e quelli di età compresa tra 21 e 23 hanno contato $ 200.000, con i giocatori più anziani rimanendo al numero standard ($ 368.750 per il 2013, $ 387.500 per il 2014, $ 436.250 per il 2015, $ 457.500 per il 2016 e $ 480,625 per il 2017). Al fine di determinare un numero di cap, l’età del giocatore è determinata esclusivamente dal suo anno di nascita. [40]

Canadian Football League

Il 13 giugno 2006, un sistema di gestione degli stipendi proposto con un Maximum Salary Expenditure Cap (SEC) è stato ratificato al meeting del Consiglio dei governatori della Football League canadese a Winnipeg , Manitoba . [41] Il CFL ha iniziato ad applicare un rigido regolamento sulle retribuzioni salariali per la stagione 2007 , che è stato fissato a $ 4,05 milioni con un salario di $ 3,746,250. Il limite sarà fissato a $ 5,15 milioni per la stagione 2017 o uno stipendio medio di $ 111,956 per giocatore di ruolo attivo. [42] Tuttavia, la maggior parte dei club spendono tra $ 7.000.000 e $ 8.000.000 a stagione per gli stipendi a causa delle esenzioni per infortunio concesse nell’ambito del cap.

Le penalità per le squadre che hanno violato le regole sul tetto salariale o sul salario sono:

Importo coinvolto nella violazione Penalità per ogni $ 1 Le scelte di prelievo sono state annullate
Primo $ 100.000 $ 1 Nessuna
$ 100.000 a $ 300.000 $ 2 Primo round
Più di $ 300.000 $ 3 Primo e Secondo turno

[43]

Si sono verificate le seguenti violazioni del tetto salariale (nessuna squadra è stata ancora penalizzata per aver violato i regolamenti sui salari): [44]

  • Nel 2007, gli Alouettes di Montreal sono stati multati per $ 116,570 e hanno perso una bozza di primo turno dopo che un’indagine CFL ha rilevato che avevano superato il tetto salariale di $ 108.285 durante la stagione.
  • Anche i Roughriders del Saskatchewan sono stati multati nel 2007 ($ 76,552) per una serie di violazioni minori in relazione ai pagamenti dei sussidi ai giocatori infortunati.
  • Nel 2008, i Roughriders del Saskatchewan sono stati multati $ 87.147 per aver superato il tetto salariale di tale importo.
  • Nel 2009, i Winnipeg Blue Bombers sono stati multati $ 44,687 per infrazioni minori in relazione ai bonus dei giocatori.
  • Nel 2010, i Roughriders del Saskatchewan sono stati multati $ 26,677 per aver superato il limite salariale di tale importo.
  • Nel 2013, i Roughriders del Saskatchewan sono stati multati per $ 17.975 per aver superato il tetto salariale di tale importo.

Altri campionati del Nord America

I salary cap sono comuni in altri campionati.

Il tetto salariale della prima Arena Football League è stato di $ 1,82 milioni per squadra nella sua ultima stagione nel 2008. Nel 2005, la Tampa Bay Storm è stata multata $ 125.000 per violazioni salariale e il loro allenatore Tim Marcum è stato sospeso per quattro partite (ultime due di la stagione 2005 e i primi due della stagione 2006) e multata $ 25,250; Marcum è stato sospeso per una quinta partita il giorno successivo per aver criticato la decisione in una conferenza stampa.

Quando l’Arena Football League tornò nel 2010, istituì uno stipendio standard di $ 400 per partita e un tetto salariale di $ 1,5 milioni, considerevolmente inferiore a quello pagato dalle squadre nella precedente AFL; dato che la nuova AFL ha avuto una stagione di 16 partite nel 2010, ciò significa che i suoi giocatori sono semi-professionisti.

La National Women’s Soccer League , lanciata nel 2013, era inizialmente programmata per un tetto di squadra di $ 500.000, ma in seguito è stata ridotta a $ 200.000. [45] Tuttavia, le tre federazioni nazionali nordamericane dello sport, la United States Soccer Federation , che gestisce la lega; la Canadian Soccer Association ; e la Federcalcio messicana – impegnati a pagare gli stipendi della lega di molti giocatori della nazionale. Per la prima stagione del campionato, 23 giocatori degli Stati Uniti, più 16 giocatori ciascuno provenienti da Canada e Messico, hanno pagato i loro stipendi dalle rispettive federazioni; gli stipendi di questi giocatori non contano rispetto al tetto del team. [46]Nell’allocazione di un giocatore tenutasi prima della stagione inaugurale, ciascuna delle otto squadre di noleggio ha ricevuto due canadesi e due internazionali messicani; sette delle otto squadre hanno ricevuto tre internazionali statunitensi e il Western New York Flash ne ha ricevute due. [46]

In Europa

I salary cap sono usati raramente in Europa. Tuttavia, diverse competizioni europee di rugby , così come i campionati di hockey su ghiaccio , hanno istituito con successo tetti salariali. La Super League del Rugby League , principalmente in Inghilterra con una squadra anche in Francia (e precedentemente in Galles), è limitata. Il campionato ha utilizzato la promozione e la retrocessione per gran parte della sua storia, sebbene dal 2009 al 2014abbia funzionato su un sistema di licenze con alcune analogie con il modello di franchising nordamericano. La promozione e la retrocessione sono tornate alla Super League nella stagione 2015 . Nell’unione di rugby, due dei principali campionati nazionali / regionali del continente: la Premiership inglesee i cappucci francesi con la Top 14 , nonostante siano entrambi al vertice di vaste strutture piramidali con promozione e retrocessione. La lega europea di hockey su ghiaccio più importante con un tetto salariale è la Kontinental Hockey League (che utilizza il modello di franchising), e quella lega ha implementato un tetto nonostante i problemi valutari.

Rugby union

English Premiership

Il tetto salariale della Premiership è in vigore dalla fine degli anni ’90. [47] Nel 2007-08 , il limite ha raggiunto 2,2 milioni di sterline. Nella stagione successiva , è quasi raddoppiato a £ 4 milioni, [47] ed è rimasto a quell’importo nella stagione 2011-12 . [48] Una disposizione applicabile solo nelle stagioni che si scontrano con la Coppa del Mondo di rugby quadrimestrale , come 2015-16, dà alle squadre un credito per ogni giocatore della squadra che partecipa alla competizione, aiutandoli a gestire le loro squadre ridotte nella stagione prime settimane. Questo credito è stato di £ 30.000 nella stagione 2011-12, [48] ed è salito a £ 35.000 per 2015-16. [49]Inoltre, ogni club ha un tetto salariale separato per i suoi giocatori di accademia (£ 200.000 prima del 2015-16, ridotto a £ 100.000 in seguito, ma con giocatori cresciuti in casa che non contano più sotto questo tetto), [49] [50] e è autorizzato a fornire un fondo educativo illimitato per consentire ai suoi giocatori di perseguire la formazione universitaria o professionale. [49] Infine, ogni club ha un tetto separato di £ 400.000 da utilizzare nella firma delle sostituzioni per i giocatori persi in seguito a infortuni a lungo termine (12 settimane o più). [49]

Nel 2011-12, il tetto è rimasto a £ 4 milioni. Tuttavia, i crediti accademici sono stati introdotti in quella stagione. Le squadre hanno ricevuto un credito di £ 30.000 per ogni giocatore cresciuto in casa nelle squadre senior che avevano meno di 24 anni all’inizio della stagione e hanno guadagnato più di £ 30.000, [50] con un massimo di otto crediti di questo tipo. Ciò ha aumentato il limite effettivo a un massimo di 4,24 milioni di sterline (senza contare i crediti per la Coppa del Mondo). [48]

Due cambiamenti sostanziali sono entrati in vigore per il 2012-13 . Innanzitutto, il limite è aumentato a £ 4,26 milioni prima dei crediti accademici e fino a £ 4,5 milioni con crediti. Il cambiamento più significativo è stato che ogni squadra poteva ora firmare un giocatore il cui stipendio non contava rispetto al cap, simile alla Regola del giocatore designata in MLS. [48] Il giocatore così designato, che la Premiership chiama un „giocatore escluso“, doveva soddisfare uno dei seguenti tre criteri: [50]

  • Ha giocato almeno due stagioni complete con il suo club attuale prima della sua designazione.
  • Giocato fuori dalla Premiership nella stagione prima della sua designazione.
  • Incluso nella rosa ufficiale di ogni partecipante al torneo finale della Coppa del Mondo di rugby 2011 .

Per la stagione 2014-15 , il limite è salito a 4,76 milioni di sterline prima dei crediti accademici e fino a 5 milioni di sterline con crediti. Altre caratteristiche del cappuccio sono rimaste invariate. [51]

Diversi cambiamenti significativi sono stati introdotti per la stagione 2015-16 : [49] [52]

  • Il limite di base è aumentato a £ 5,1 milioni.
  • Il numero massimo possibile di crediti accademici per club è rimasto pari a otto, ma il credito per giocatore è aumentato a £ 50.000. A sua volta, ciò significa che il tetto effettivo per un club che utilizza tutti i suoi crediti accademici è stato aumentato di £ 400.000 (anziché di £ 240.000 nelle passate stagioni).
  • I club ora possono avere due giocatori esclusi invece di uno. A differenza del primo slot, che può essere utilizzato per un giocatore nel roster attuale di una squadra, il nuovo slot può essere riempito solo da un giocatore che non è stato in Premiership nei 12 mesi precedenti l’inizio del suo contratto iniziale con il suo club Premiership . L’inclusione o l’esclusione di un giocatore da un roster della Coppa del mondo di rugby non è più rilevante per il suo status di giocatore escluso.

In seguito il cap è aumentato a una base di 6,5 milioni di sterline con un massimo di crediti accademici di 600.000 sterline per la stagione 2016-17 e ora è a una base di 7 milioni di sterline con crediti accademici massimi di 800.000 sterline per il 2017-18. [49]

Top 14 francese

Nel dicembre 2009, la Ligue Nationale de Rugby (LNR), operatore della Top 14, ha annunciato che avrebbe imposto un limite di 8 milioni di euro, efficace con la stagione 2010-11 . [53] In precedenza, le uniche restrizioni sui salari delle squadre erano che i salari erano limitati al 50% del fatturato [54] e che il 10% del bilancio salariale doveva essere tenuto in riserva. [53] Insieme all’annuncio del cap, LNR ha anche dichiarato che l’obbligo di riserva sarebbe stato portato al 20%, [53] con la precedente limitazione del 50% del fatturato rimanendo in vigore. [54]

Il nuovo cap è stato leggermente superiore alla più alta paga ufficiale nella stagione 2009-10 . Inoltre, a causa della natura complessa dell’amministrazione dei club francesi, i club sono stati ritenuti probabilmente in grado di trovare modi creativi per superare il limite. [54] Questo è stato ammesso pubblicamente nel 2014 da Mourad Boudjellal , proprietario dell’attuale Top 14 della potenza di Tolone . Boudjellal ha trovato una scappatoia che gli ha permesso di costituire una società separata per integrare il salario della stella Jonny Wilkinson di un importo di sei cifre mentre si trovava sotto il tetto. [55]

Il tetto salariale Top 14 è stato fissato a 9,5 milioni di euro per il periodo 2012-2013 . [56] Per il 2013-14, il tetto è stato aumentato a € 10 milioni, e in aggiunta i giocatori giovani sono esclusi dal cap a meno che i loro stipendi superino € 50.000. Il tetto totale di 10 milioni di euro è rimasto in vigore per tre stagioni (fino al 2015-2016); l’accordo consentiva di adeguare la soglia per l’esclusione dei giocatori giovanili prima di una qualsiasi di quelle stagioni [57], ma tale adeguamento non è stato effettuato. Il tetto da 10 milioni di euro è stato successivamente esteso durante la stagione 2018-19. [58] Inoltre, ogni club che ha un membro della squadra nazionale francese sul proprio roster (in particolare, uno dei 30 giocatori nominati dalla Federazione francese di rugbyalla cosiddetta „squadra d’élite“) è consentito superare il limite di un importo stabilito per membro della squadra nazionale. Tale importo è stato fissato a € 100.000 durante la stagione 2015-16, [59] e aumentato a € 200.000 a partire dal 2016-17. [58]

Le regole del cap sono state ulteriormente ottimizzate per la stagione 2015-16 . I pagamenti dei bonus dei giocatori che ammontano a più del 10% del salario di un giocatore sono ora contati rispetto al cap. [60]

Welsh rugby union

Il 20 dicembre 2011, le quattro squadre regionali gallesi che hanno partecipato al concorso, noto come Pro12 e ora Pro14, hanno annunciato che avrebbero imposto un tetto salariale di 3,5 milioni di sterline, con effetto nella stagione 2012-13. Il berretto copre solo la squadra iscritta alle competizioni europee – al momento dell’annuncio, la Heineken Cup e la European Challenge Cup , e dal 2014-2015 la European Rugby Champions Cup e la European Rugby Challenge Cup . Non copre i giocatori delle accademie regionali. [61]

Questo berretto è stato istituito unilateralmente solo nelle squadre gallesi. La lega di Pro14 non viene mai battuta, e nessuno degli altri tre paesi europei coinvolti nella Pro12 ( Irlanda , Italia e Scozia ) ha ufficialmente istituito un tale sistema. Il Sudafrica mantiene un tetto massimo di stipendi per giocatore individuale ma non impone un tetto a squadre separato.

Kontinental Hockey League

Quando la Superleague russa è stata sciolta per far posto al KHL dei giorni nostri, la Kontinental Hockey League Players ‚Trade Union (KHLPTU) ha acconsentito all’implementazione di un tetto salariale. Al momento della prima implementazione c’era un tetto salariale, oltre a un piano di stipendio. Per la stagione KHL 2009-10 , il tetto salariale è stato di 620 milioni di rubli ($ US18,3 milioni) e il piano salariale è stato di 200 milioni di rubli ($ US 5,9 milioni).

Il cap di KHL opera nonostante la natura multinazionale della KHL, con team in Bielorussia , Cina , Finlandia , Kazakistan , Lettonia e Slovacchia , oltre alla sua base principale della Russia . I sei paesi non russi usano quattro diverse valute (tre paesi usano l’euro ), con la maggior parte fluttuante contro il rublo.

Dal 2011-2012, ciascuna squadra può iscrivere fino a due „giocatori designati“ i cui stipendi non vengono conteggiati rispetto al cap. Fino al 2011, il tetto salariale di KHL era un soft cap, con una tassa sul lusso pari al 30% della busta paga oltre il tetto versato al conto speciale di stabilizzazione, che aiuta i team di KHL ad affrontare difficoltà finanziarie. Dalla stagione KHL 2012-13 in poi, il KHL utilizza un hard cap, fissato a 1,25 miliardi di rubli ($ US36,5 milioni).

Nel calcio europeo

Diverse serie europee di campionati di calcio hanno preso in considerazione l’introduzione di tetti salariali all’inizio del XXI secolo. Nel 2002, la BBC riportò [62] che il gruppo G14 di 18 squadre di calcio europee di primo piano avrebbe coperto i loro salari al 70% delle entrate della squadra, a partire dalla stagione 2005/2006, tuttavia ciò non si verificò. La Serie A , il principale campionato di calcio italiano e la Football League in Inghilterra hanno anche considerato i salary cap.

Queste misure sarebbero implementate per garantire che i club spendano in modo responsabile anziché come strumento per creare parità. Gli alti dirigenti del calcio europeo hanno riconosciuto che una serie di sfide non presenti in Nord America si scontreranno con chiunque abbia cercato di attuare un tetto effettivo nel calcio europeo o addirittura in un singolo campionato, al fine di creare un equilibrio competitivo:

  • I vari campionati nazionali sono in competizione l’uno con l’altro per i migliori giocatori perché vi è libera circolazione dei giocatori tra i campionati. I campionati di calcio nei paesi dell’Unione Europea sono stati vietati dal proibire la firma di giocatori dell’UE da altre nazioni, o anche dalla limitazione del loro numero. Pertanto, se una lega imponeva un limite rigoroso alle sue squadre, i migliori giocatori del paese in questione sarebbero comunque liberi di passare a leghe rivali non coperte.
  • L’esistenza di competizioni di club internazionali redditizie e prestigiose incoraggia i club a garantire il dominio dei rispettivi campionati nazionali per giocare nei campionati europei di livello superiore. Per molti club di vertice, il campionato nazionale è poco più di un trampolino di lancio per il campionato europeo. Il successo nelle competizioni europee per club non è solo una questione di orgoglio nazionale , poiché il numero di posti assegnati a ciascun paese per queste competizioni è determinato dalle prestazioni passate delle squadre di quel paese in Europa. I club con un tetto di stipendio in una struttura in franchising non devono competere con squadre in campionati rivali dove non esiste un tetto salariale.
  • Diversi organi di governo hanno autorità sulle competizioni nazionali e internazionali. Ad esempio, la UEFA governa il calcio europeo e organizza la prestigiosa Champions League e Europa League , ma la sua autorità sui campionati nazionali è molto limitata. Anche se la UEFA potrebbe, in teoria, imporre un tetto salariale, si applicherebbe solo alle competizioni UEFA per club e alla parte del libro paga di ogni squadra pagata ai giocatori registrati con la UEFA. Una ricca squadra della Champions League potrebbe quindi firmare giocatori che giocherebbero esclusivamente in competizioni nazionali. In altri sport che hanno un solo organo direttivo che sovrintende a una singola competizione premier, il potere di applicare le regole del tetto salariale è molto maggiore.
  • La struttura piramidale dei campionati europei significa che il numero di piccoli club nelle varie divisioni inferiori può andare a migliaia. Il sistema di promozione e retrocessione che consente i trasferimenti tra queste divisioni presenta sfide a un sistema di cap. Un club che è retrocesso in una lega inferiore dopo una stagione povera potrebbe trovarsi significativamente al di sotto del limite inferiore della divisione. Allo stesso modo, un club promosso potrebbe dover affrontare la sfida di trovare frettolosamente giocatori che potrebbero poi pagare sotto un tetto più alto. Un tetto salariale aggrava il problema dei giocatori che scambiano i club insieme al movimento dei club tra i livelli.
  • I sistemi e le aliquote fiscali europee variano notevolmente da un paese all’altro. Un club di spicco, AS Monaco , gioca a Monaco , un principato senza alcuna imposta sul reddito . Un limite di stipendi forfettario equivarrebbe quindi ad aggregare la retribuzione a casa che varia notevolmente da un club all’altro, il che renderebbe difficile per le squadre in paesi con imposte più elevate attrarre i migliori giocatori. In confronto, le differenze tra i sistemi fiscali e le aliquote fiscali del Canada, degli Stati Uniti e tra le loro rispettive province e stati non sono altrettanto grandi.
  • Gli europei usano più valute e gli stipendi del calcio di solito vengono pagati nella valuta locale. Sebbene i paesi che ospitano tutti tranne uno dei più importanti campionati europei ora usino l‘ euro , l’unica eccezione, l’Inghilterra, è quella più ricca. Anche se un ipotetico massimale per la UEFA fosse denominato in Euro, i tassi di cambio fluttuanti renderebbero difficile l’amministrazione del cappello nel Regno Unito poiché i suoi stipendi sono pagati in sterline. In confronto, la maggior parte dei salari dei giocatori pagati ai giocatori delle principali squadre sportive canadesi viene pagata in dollari USA; in effetti, questo è ora previsto nella NHL per garantire che i salari non fluttuino con i tassi di cambio. D’altra parte, cercare di costringere i club britannici a pagare gli stipendi in euro in modo che i loro libri paga non potessero superare un tetto incontrerebbe l’opposizione dei club dato che i loro introiti sono raccolti in sterline, e potrebbe persino provocare un’opposizione politica da parte dei britannici determinati a impedire il Euro dalla sostituzione della sterlina.

In Australia e Nuova Zelanda

Regole australiane calcio

Articolo principale: cap. AFL

L‘ Australian Football League ha implementato un tetto salariale nei suoi club dal 1987, quando sono stati ammessi Brisbane e West Coast, come parte della sua politica di perequazione progettata per neutralizzare la capacità dei club più ricchi e di maggior successo, Carlton , Collingwood ed Essendon , a perennemente dominare la concorrenza.

Il cap è stato fissato a A $ 1,25 milioni per il 1987-1989 come da contratto VFL, con il piano salariale fissato al 90% del cap o $ 1,125 milioni; il livello retributivo è stato aumentato al 92,5% del tetto nel 2001 e al 95% del tetto per il 2013 a causa dell’aumento dei ricavi. Il tetto salariale, conosciuto ufficialmente come Total Player Payments, è di $ 12,450,000 per la stagione 2017 con un piano di stipendio di $ 11,827,500. Sia il tetto salariale che il piano salariale sono notevolmente aumentati da quando la concorrenza è stata ribattezzata come AFL nel 1990 per contribuire a arginare il dominio di altri club con un alto numero di soci, come Adelaide , Hawthorn e West Coast Eagles .

Alcuni pagamenti sono esclusi dal cap, e le concessioni sono disponibili per alcuni giocatori, in particolare per i giocatori „veterani“ (quelli che hanno completato 10 stagioni con il loro club attuale [63] ) e per i giocatori nominati “ rookie list“ , che sono scontati di 30 % o 50% per gli scopi del cap, a seconda del numero di questi giocatori in ciascun club.

L‘ AFL Players Association negozia per i giocatori con l’AFL sul tema dello stipendio medio.

Violazioni

Le violazioni delle norme sul tetto salariale e sul salario superano il TPP, al di sotto del piano salariale, non informando l’AFL dei pagamenti, ritardo o inadeguatezza o perdita di documenti relativi ai dettagli finanziari e contrattuali dei giocatori, o attività di manomissione. È inoltre vietato scambiare denaro per giocatori e allenatori, in passato pratiche comuni, per evitare che club più ricchi aggirino le restrizioni del tetto salariale e del piano salariale.

Le penalità per giocatori, funzionari di club o agenti includono multe fino a una volta e mezza l’importo in questione e / o sospensione. Le penalità per i club comprendono multe fino al triplo dell’importo, la perdita di bozze di prelievo e / o la detrazione di punti premiership. A partire dal 2017, nessun club è stato penalizzato per infrazioni alle norme sul salario, e nessuna punizione ha incluso la detrazione dei punti premiership.

Successo del cappuccio

Il tetto salariale della VFL / AFL ha avuto un discreto successo in termini di parità: dal lancio del cappello nel 1987, ognuna delle 17 squadre [64] ha disputato una finale preliminare, 16 squadre hanno giocato in una grande finale e 13 squadre hanno vinto la premiership.

Un’altra statistica importante per quanto riguarda il successo del cap di VFL / AFL è che i tre club più ricchi e di maggior successo, Carlton, Collingwood ed Essendon, hanno vinto 41 premi tra loro tra 75 Grand Finals [65] nelle 90 stagioni tra 1897 e 1986 (83,3% di tutte le Grand Finals con una percentuale di successo del 45,6%), hanno vinto solo sei premi tra loro da undici Finali Grand da [66] (32,3% di tutte le Grand Finals con una percentuale di successi del 19,4% ).

Critica del cappuccio

Il tetto salariale AFL è occasionalmente controverso, in quanto è un tetto salariale morbido e talvolta può essere leggermente diverso per ogni club. I club in condizioni finanziarie sfavorevoli non hanno sempre utilizzato il tetto massimo, in alcune circostanze nemmeno raggiungendo il piano salariale. Il cap è solo per i Total Player Payments di ciascun club e non per il dipartimento di calcio del club. Ciò ha causato preoccupazione negli ultimi anni; ad esempio, tre dei quattro club che hanno speso il massimo nelle Finali Preliminari nel 2012 e l’ultima squadra a vincere la premiership al di fuori delle prime otto squadre di spesa è stata la North Melbourne nel 1999. Ci sono state richieste per un berretto separato per il dipartimento di calcio, o di riformare il tetto salariale per includere la spesa del dipartimento di calcio, ma questo è stato contrastato dai club più ricchi.

State and regional leagues[edit]

Apart from the AFL, several regional leagues also have salary caps which although widening between them and the AFL and overall less than national competitions, are substantial enough to dictate the movement of semi-professional and professional players between states and the overall playing quality and spectator attendance of the state leagues.

Rugby league[edit]

Main article: NRL salary cap

The National Rugby League has a salary cap of A$6.4 million in 2014, with a salary floor of A$5.92 million (92.5% of the cap). The salary cap keeps average annual player salaries at around A$256,000.

The National Rugby League adopted a hard salary cap model in its first season in 1998. The NRL’s stated purposes for having a salary cap are „to assist in spreading the playing talent“ and „ensure that clubs are not put into positions where they are forced to spend more money than they can afford in terms of player payments, just to be competitive.“ [67] Before the 2012 season, the NRL’s then Chief executive David Gallop said „The cap’s there to make sure that pure purchasing power cannot dominate the sport… It means we can genuinely say that all 16 teams … have a chance. For the fan every week, every game is a contest. That’s at the core of why rugby league is so successful.“[68]

The breaches of the salary cap and salary floor regulations outlined by the NRL are exceeding the salary cap, falling below the salary floor, not informing the NRL of payments, late or incorrect lodgement or loss of documents relating to player financial and contract details or engaging in contract tampering. Trading cash for players is also prohibited to prevent wealthier clubs from evading the salary cap and salary floor regulations.

Penalties for players, club officials and agents include fines of the lesser of 10% of the amount involved or $100,000 and/or suspension. Penalties for clubs include fines of the lesser of half the amount involved or $500,000 ($2,500 for each document that is late or incorrectly lodged or lost) and/or deduction of premiership points.

L’NRL è uno dei pochi campionati più importanti per implementare un tetto salariale in uno sport che ha campionati in competizione in altri paesi dove non esiste un tetto salariale o un tetto molto più alto per club. Di conseguenza, si è sviluppata una tradizione di giocatori dall’Australia che si trasferiscono in Europa, dove i salari per l’élite, e anche per i giocatori medi, erano considerevolmente più alti. L’NRL sceglie di continuare con il cap, ritenendo che qualsiasi riduzione della qualità del prodotto sportivo dovuta alla perdita di questi giocatori sia inferiore a quella che consente ai club più ricchi di dominare. In pratica, l’obiettivo della parità ha avuto abbastanza successo, con dodici club diversi che hanno vinto la premiership nelle 20 stagioni tra il 1998 e il 2016.

Rugby union

Australia: Super Rugby

Le cinque squadre australiane che giocano nella competizione Super Rugby del rugby union sono soggette ad un tetto di stipendio da $ 5 milioni per una squadra di 30 giocatori a tempo pieno per squadra australiana. [69] [70] [71]L‘ Australian Rugby Union ha deciso nel 2011 di introdurre il tetto salariale a causa delle pressioni finanziarie. [72] Inizialmente iniziato nel 2012 come cap di 4,1 milioni di dollari, è stato successivamente aumentato a 4,5 milioni di dollari per le stagioni 2013 e 2014, per ridurre la capacità delle squadre di reclutare e mantenere giocatori. [73] Il tetto salariale è una componente chiave della negoziazione tra l’ARU e la Rugby Union Players Association sul contratto collettivo di lavoro. [74]Il fatto che le squadre australiane in Super Rugby affrontino un tetto salariale è stato attribuito come un fattore che rende più difficile per le squadre australiane vincere il titolo. [75]

I regolamenti cap hanno alcune piccole concessioni: [76]

  • Cinque giocatori per ogni squadra possono ricevere $ 30.000 a stagione da parte degli sponsor della squadra; questo importo non è incluso nel tetto del team.
  • Il limite massimo per un giocatore non australiano è di $ 137.000, indipendentemente dai suoi salari effettivi.

Nuova Zelanda: Mitre 10 Cup

Le 14 squadre partecipanti alla competizione nazionale più importante della Nuova Zelanda, ora nota come Mitre 10 Cup , hanno affrontato un tetto salariale nel 2013 che è stato il minore tra 1,35 milioni di dollari USA o il 36% delle entrate commerciali del sindacato. [77] I salari massimi dei giocatori sono $ 55.000 e gli stipendi minimi sono $ 18.000. [78] Nell’agosto 2013 è stato annunciato che il limite sarebbe stato ulteriormente ridotto, con il tetto del team per la stagione 2015 fissato a $ 1,025 milioni. [79]

La Nuova Zelanda ha implementato per la prima volta il tetto salariale nella stagione 2006. Lo scopo del tetto salariale era quello di garantire una diffusione uniforme dei giocatori per produrre partite competitive e un pubblico televisivo più elevato per la nuova competizione completamente professionale. [80]

Il tetto salariale ha raggiunto i $ 2 milioni nel 2008. Tuttavia, nel 2007 la concorrenza aveva generato perdite per circa $ 9,6 milioni, mentre i pagamenti salariali erano aumentati del 75% nei quattro anni precedenti. [81] Alcuni team hanno dichiarato di trovarsi in una situazione finanziaria tremenda, con quattro team con buste paga di $ 1,75 milioni o più. [82] Il salary cap è stato tagliato nel 2008, convertendo quella che era conosciuta come ITM Cup in una competizione semi-professionale, con giocatori che non avevano contratti nazionali o Super Rugby che dovevano trovare altri lavori part-time.

Associazione calcio

A-League

La A-League nazionale Football Association (calcio) la concorrenza ha fissato un tetto salariale di A $ 2.55 milioni (escluso il Marquee, ospiti e giocatori di sostituzione) per la stagione 2014/2015, con un pavimento stipendio di $ 2.294 milioni. Ogni squadra può firmare un „giocatore di selezione“ e un „giocatore ospite“, i cui stipendi sono esclusi dal tetto di stipendio della squadra. La A-League ha anche introdotto un „tendone junior“ per giocatori di età inferiore a 23 anni con l’obiettivo di mantenere giovani giocatori di talento in Australia (o in Nuova Zelanda per la Wellington Phoenix) per un periodo più lungo, [83] simile al Designato Regola del giocatore in Major League Soccerin Nord America.

Le violazioni del regolamento sul salario e sul piano salariale delineate dall’A-League superano il tetto salariale, scendendo al di sotto del piano salariale, non informando l’A-League dei pagamenti, ritardo o inadeguatezza o perdita di documenti relativi ai giocatori finanziari e dettagli del contratto o di manomissione del contratto.

Le penalità per giocatori, funzionari di club o agenti includono multe fino a una volta e mezza l’importo in questione e / o sospensione. Le penalità per i club includono multe fino al triplo dell’importo ($ 7.500 per ogni documento che è in ritardo o incorrettamente depositato o perso) e / o detrazione dei punti di gara.

Nella stagione 2006-07, il Sydney FC è stato multato di $ 174.000 e ha detratto tre punti di gara dopo aver scoperto di aver superato il tetto salariale di $ 110.000 e di non aver dichiarato pagamenti di terze parti durante la stagione 2005-06 in cui erano stati premiati.

Nel 2014-15, Perth Glory è stata multata per $ 269.000, ha detratto nove punti e non ha potuto competere nelle serie finali dopo aver scoperto di aver superato il tetto salariale di $ 400.000 durante la stagione.

National Basketball League

La National Basketball League ha un tetto salariale di $ 1,1 milioni per ciascuna delle sue otto squadre a partire dalla stagione 2016-17. Inoltre, dal 2003-04, il NBL ha utilizzato un „cap punti“ per incoraggiare la diffusione del talento: ai giocatori vengono assegnati punti su base 1-10 ogni stagione „in base alla loro performance nel NBL o in base al campionato che hanno ha partecipato per la stagione appena conclusa „e l’elenco di giocatori di ogni squadra (tra 10 e 12 giocatori) deve rientrare nel limite“ Punti squadra totali „. [84]

Il 9 maggio 2014, al fine di contribuire ad attirare le importazioni di alto calibro o offrire incentivi finanziari per le star locali considerando le opportunità all’estero, la NBL ha introdotto una regola per il giocatore di selezione. Inizialmente consentiva a una squadra di nominare un giocatore il cui stipendio era stato pagato al di fuori del cap, con un prelievo del 25% del Marquee Player applicato a qualsiasi pagamento effettuato al di sopra del tetto salariale. [85] [86] Il prelievo si applica ancora ai giocatori di area non locale (ad es. Giocatori che non sono né australiani né neozelandesi).

In vigore con la stagione 2016-17, sono stati apportati due cambiamenti significativi allo schema di cap. In primo luogo, il limite è stato modificato da un limite massimo di $ 1 milione a una copertura morbida di $ 1,1 milioni. Le squadre che superano il cap sono tenute a pagare „perequazione salariale“ (in pratica una tassa sul lusso) pari all’importo sopra il cap. [87] In secondo luogo, la regola di Marquee Player è stata modificata per quanto riguarda i giocatori locali; la carica di cap per un australiano o un neozelandese che riempie lo slot di una squadra di selezione è ora di $ 150.000, indipendentemente dal suo effettivo stipendio. [87]

Netball (ANZ Championship)

Nel campionato ANZ di netball , ognuna delle 10 franchigie è limitata a un tetto salariale da 380.000 NZ $ (a partire dal 2013) da cui vengono pagati gli stipendi dei giocatori. Gli stipendi variano a seconda dei giocatori, ma ogni giocatore riceve un fermo di almeno $ 12.000 per stagione; i giocatori di alto profilo dovrebbero guadagnare fino a $ 50.000 NZ . [88] [89]

Nel rugby union

Salary caps e conversioni valutarie accurate ad agosto 2017 .

Confronto di Salary Caps
Nazione concorrenza Cap
(in euro)
Cap
(valuta locale)
Cap Introduced Esclusioni dal cap
Francia Top 14 10.0m 10.0 m [a 1] 2010-11 I giocatori giovanili guadagnano non più di € 50.000
Inghilterra Premiership 8.8m 7,8 m [a 2] 1999-2000 Due giocatori per club
Galles Pro14 [a 3] 3.9m 3.5m 2012-13 Giocatori dell’Accademia
Australia Super Rugby [a 4] 3.3m 5m 2011 Nessuno (ma vedi la sezione Super Rugby )
Nuova Zelanda NPC 0.6m 1.0m 2006 Nessuna

Gli appunti:

  1. Salta in alto^ Non include € 200.000 di „bonus“ per membro della squadra nazionale francese sul roster.
  2. Salta in su^ Massimo massimo possibile dopo i crediti accademici. Il valore base del cap in valuta locale, prima dei crediti, è 7,0 m. Non include cappucci separati per i giocatori dell’accademia e sostituti degli infortuni, o crediti per i membri della squadra di Coppa del mondo di rugby nelle stagioni di Coppa del Mondo.
  3. Salta su^ Gli altri paesi europei nel Pro14 – Irlanda, Scozia e Italia – non impongono un tetto salariale. Il Sud Africa, che ha aderito al campionato nel 2017-18, impone un tetto ai salari dei singoli giocatori, ma non impone un tetto a squadre separato.
  4. Salta in alto^ Gli altri paesi del Super Rugby sono Argentina, Giappone, Nuova Zelanda e Sud Africa. La Nuova Zelanda e il Sud Africa impongono limiti ai salari dei singoli giocatori, ma non impongono un tetto a squadre separato. Non è noto che l’Argentina e il Giappone impongano un berretto di entrambi i tipi.

In cricket

Salary caps e conversioni valutarie accurate a gennaio 2015.

Confronto di Salary Caps
Nazione concorrenza Cap
(adattato ai dollari australiani)
Cap
(nella valuta locale)
Cap Introduced Esclusioni dal cap
Australia Big Bash League $ 1.05m $ 1,05 m [90] 2011-2012
Bangladesh Bangladesh Premier League $ 2 milioni [91] [92] ৳ 125.182.771 [93] 2012
India Premier League indiana $ 11.745.774 [94] ₹ 600 milioni [95] [96] [97] [98] 2008
Indie occidentali Caribbean Premier League $ 433,074 [99] 350.000 USD [100] [101] 2013